Un due tre, si parte

Tutti in vacanza con il proprio beniamino

Finalmente le agognate vacanze ed il meritato relax tanto agognato; spesso tuttavia, a chi possiede un cane o un gatto o qualche altro animale d'affezione, questo momento felice produce ansie e problematicità

Stefania Genovese
Tutti in vacanza con il proprio animale d'affezione

Molti desidererebbero essere accompagnati dal proprio amico di pelo o di piume, ma non sempre ciò, è possibile: così dobbiamo considerare che il 48% delle famiglie italiane possiede un animale e molti di loro necessitano di informazioni e consigli per viaggiare con cane o gatto ed altri eterospecifici. Occorre dunque sapersi orientare per consultare luoghi turistici, città, campeggi, alberghi ed altro che siano predisposti ad accogliere gli animali. Su Internet ci sono alcuni link come questi ad esempio,  http://www.vacanzeanimali.it e http://www.vacanzebestiali.org, che ci presentano siti in cui è possibile pianificare una vacanza, e soprattutto scegliere il luogo preferito mare, montagna, laghi, selezionare la regione prescelta ed ottenerre elenchi precisi di strutture pronte a riceverci con i nostri pet.


Indispensabile la nuova guida edita dal TCI Viaggiare con cane e gatto che offre indirizzi, consigli e informazioni indispensabili per viaggiare non solo in Italia, ma anche all'estero con il proprio animale da compagnia: dal mezzo di trasporto ideale alle strutture prescelte per il soggiorno, per garantire a tutti una vacanza serena e felice. Si possono anche trovare case in affitto pet friendly; l'importante è informarsi adeguatamente prima di versare una caparra, in modo tale di non incorrere in antipatici imprevisti come ad esempio, ritrovarsi in una piacevole località marina ma senza spiagge ove poter portare i cani. Se ci rechiamo in una agenzia immobiliare è doveroso richiedere una conferma scritta che convalidi la possibilità di portare con noi il nostro pet, ed informarci se è previsto in tal caso un sovraprezzo, mai comunque imposto per legge, ma deciso da libertà contrattuale.


Selezioniamo con cura le strutture pet-friendly verificando se non ci siano zone off-limits nell'eventuale albergo dove risiederemo; meglio sarebbe orientarsi proprio verso gestioni turistiche che contemplino nel loro pacchetto, luoghi dedicati agli animali con giochi, piscine, e menù specifici per i nostri cani. Insomma occorre, a tempo debito, organizzarsi con metodo ed oculatezza per non incorrere in spiacevoli inconvenienti. E nel caso in cui non si voglia portare il proprio animale si può ricorrere ad una sorta di scambio di ospitalità con amici e parenti; si tratta di una iniziativa vantaggiosa ed economica. L'importante è programmare le proprie vacanze, alternando i tempi e le date in cui trascorrere le vacanze. Gli animali dovranno dunque solo familiarizzare con le persone che li assisteranno, con solidarietà e tanto amore, ed una regola basilare è quella che contempla compatibilità e feeling emotivo tra pet ed accudente. In Internet recentemente è in auge il pet-sharing, che consiste appunto in una specie di scambio di favori tra proprietari di animali disponibili ad ospitare cani e gatti nella propria abitazione. Ciò offrirebbe la possibilità di trovare un  ameno B&B per il nostro beniamino (sia esso cane, gatto, pappagallino, pesciolino o altro).


Anche per questa possibilità è utile vagliare gli annunci, reperendo il luogo più consono alle esigenze del proprio animale. Indispensabile sempre specificare la propria esperienza con i pet, e visitare preventivamente il posto dove verrà alloggiato il nostro cucciolo. Le regole fondamentali sono sempre le stesse anche se volete rivolgervi ad un dog o cat sitter; presentare il proprio beniamino al professionista, ed accertarsi che lo stesso sia sempre pronto ad ottemperare alle regole fondamentali dell'estate, ossia assicurare all'animale tanta compagnia, tanto amore, un accudimento attento alla dieta estiva e la garanzia di un veterinario sempre a disposizione. Inoltre una menzione speciale e doverosa a tutti quei volontari che si offrono di portare a passeggiare gli ospiti rinchiusi nelle strutture, o di prendersene cura anche per poche ore durante la giornata; è sufficiente solo un'ora di tanta passione e di comprensione verso le tante creature che dimorano abbandonate nei canili e nei gattili, spesso vittime del randagismo prodotto dagli allontanamenti estivi.

Detto ciò il leitmotiv imperante è questo: "Non abbandonate gli animali". Le soluzioni ci sono e sono molteplici per collocare il proprio pet nel periodo vacanziero; non è plausibile o accettabile la scusa della impossibilità della vacanza cagionata dalla presenza del proprio animale domestico che così svilito al rango di oggetto d'impedimento, viene sacrificato e neglettamente rifiutato, e la cui sorte amara si conclude per lo più con l'abbandono (atto esecrabile, incivile ed inumano) e sempre più con una tragica  ed indegna morte.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Addio Berhault , cane eroe
salvava le vittime intrappolate dal sisma

Addio Berhault, cane eroe

Lipu in piazza con i banchetti natalizi pro natura
Animali che curano l'anima
benefici della pet therapy

Animali che curano l'anima


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU