Invasione continua

Clandestini, riaperta la rotta adriatica?

Caicco di 25 metri carico di immigrati sbarca a Santa Maria di Leuca: c'è il timore che torni in uso la tratta che collega i Balcani con la Puglia

Alessio Colzani
Clandestini, riaperta la rotta adriatica?

Un barcone carico di clandestini soccorso dalla Guardia costiera. Foto ANSA

Il 4 maggio scorso è giunta nel porto di Santa Maria di Leuca (Lecce) l'imbarcazione "Africa Queen", un caicco di 25 metri battente bandiera turca con a bordo 52 clandestini per lo più siriani e pakistani. L'imbarcazione a vela partita dalle coste greche era andata in avaria a poche miglia dalla terraferma e aveva lanciato una richiesta di aiuto, quindi le autorità della Capitaneria di Porto avevano messo in salvo gli immigrati trasportati dal battello, 23 uomini, 8 donne e 21 minori di cui molti non accompagnati, di nazionalità pakistana, afghana, siriana e somala. Gli immigrati sono stati portati al centro di accoglienza Don Tonino Bello di Otranto tranne un georgiano di 43 anni a cui era intestato il contratto di comodato d'uso del natante che è stato arrestato in quanto presunto scafista e altri due connazionali sospettati di essere suoi complici.

Antonio Menni, presidente del consiglio comunale di Casarano, un paese vicino a Santa Maria di Leuca, ha spiegato a Tgcom24 che tra gli amministratori locali della zona sta crescendo la paura che gli sbarchi non siano più un fenomeno occasionale e che si riapra un nuovo flusso migratorio simile a quello degli anni Novanta, quando centinaia di albanesi solcavano l'Adriatico per approdare in Italia attraverso la Puglia: "A marzo è arrivato nel porto un altro natante, stessa cosa l'anno scorso. Rispetto al passato assistiamo a una variazione però: gli scafisti non usano più carrette del mare, ma imbarcazioni più grosse. Il 4 maggio abbiamo prestato soccorso a questo caicco di 25 metri, l'anno scorso si trattava invece di un piccolo yatch".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU