diritti negati

TTIP, peggio della dittatura

Pinocchio nel paese dei balocchi. Ogni giorno che passa è un pezzo di democrazia che se ne va

Urbano Secondo
TTIP, peggio della dittatura

Matteo Renzi con Carlo Calenda. Foto ANSA

Il nuovo Ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, a pochi istanti dall'insediamento si è già schierato a favore della sottrazione ai parlamenti nazionali del diritto di ratifica del testo finale del TTIP. Al termine del Consiglio Europeo del Commercio in cui si è discusso del TTIP, oltre che dell'accordo con il Canada (CETA) che, previa ratifica dei parlamenti nazionali entrerebbe in vigore quest'anno - lo riferisce Il Sole 24 Ore Radiocor - il ministro ha dichiarato: "C’è stato tra noi ministri un grande confronto sulle competenze ed è logico chiedersi che cosa possa accadere se un paese non ratifica l’intesa con il Canada, se potrebbe essere applicato provvisoriamente in tutto o in parte: insomma c’è una grandissima incertezza che rende difficile alla Commissione negoziare".


Ai parlamenti nazionali spetta la ratifica del TTIP? La questione è se il CETA e il TTIP siano o no accordi “misti” e quindi se richiedano il voto favorevole dei parlamenti nazionali, oltre a quelli della Commissione Ue, del Consiglio dell’Ue, e del Parlamento europeo. In una risoluzione dell’8 luglio 2015, il Parlamento europeo ha sostenuto che "il TTIP dovrebbe essere un accordo misto che richiede la ratifica del Parlamento europeo e dei 28 Stati membri". Quindi questi accordi sono considerati di natura mista, "con conseguente necessità di sottoporre il testo al processo di ratifica presso i parlamenti di tutti gli Stati membri sulla base delle norme costituzionali vigenti in ognuno di essi".


Secondo Calenda è inutile negoziare se tutto resta appeso alle decisioni dei singoli parlamenti nazionali? Il ministro vuole indurre il Consiglio a negare questo diritto ai parlamenti dei Paesi dell’Unione europea. Evviva la democrazia! Evviva la libertà!
Pinicchio è ahinoi arcinoto. Vorremmo tanto capire se c'è un Mangiafuoco. Una certezza però ce l'abbiamo: non mancano mai i burattini.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Reddito di cittadinanza M5S, Borghi: "Una pacchia per immigrati e rom"
Intervista al responsabile economico della Lega

Reddito di cittadinanza M5S, Borghi: "Una pacchia per immigrati e rom"

Quei pensionati presi in giro dall'Inps...
la fregatura dei diritti inespressi

Quei pensionati presi in giro dall'Inps...

La Flat tax secondo Siri. Cambiare (in meglio) si può
per un sistema fiscale meno ingiusto

La Flat tax secondo Siri. Cambiare (in meglio) si può

Khakistocrazia, la flat tax secondo Gentiloni
quel pd che non capisce niente

Khakistocrazia, la flat tax secondo Gentiloni


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU