DROGA E DIPENDENZA

A Parigi la prima "stanza del buco" per i tossici

Potranno iniettarsi droghe pesanti sotto la supervisione di personale medico e infermieristico

Redazione
Foto ANSA

Siringhe

Apre a Parigi la prima "stanza del buco", struttura dove i tossicodipendenti possono consumare la droga in sicurezza, con meno rischi di tipo igienico sanitario, in particolare di Aids e epatiti, ed avvicinarsi ai servizi di contrasto alle dipendenze. Il progetto, che sarà accessibile all'ospedale Lariboisière da lunedì, sarà sperimentato per 6 anni, in uno dei quartieri in cui il problema è più sentito nella capitale francese, quello che comprende la Gare du Nord. Un'area dove, per ridurre l'incidenza di infezioni, sin dal 1995 sono stati istallati distributori di siringhe.

L'iniziativa, prevista dalla recente riforma sanitaria del Paese, ha creato non poche polemiche ma è molto attesa dagli operatori del settore e dalle associazioni di contrasto alla tossicodipendenza che sperano: di ridurre una serie di 'effetti collaterali' legati allo scambio di siringhe (tra cui le infezioni da Hiv ed epatite C), di favorire la diagnosi rapida dei contagi e di permettere un maggiore avvicinamento alle cure da parte dei tossicomani.


La "sala del buco"prevede un'accettazione, una sala d'attesa e, infine, la vera e propria sala di 'consumo', attrezzata con sedie e tavoli con pannelli separé. Lo spazio può accogliere ogni giorno un centinaio di persone, maggiorenni, e avrà in dotazione uno staff di 20 operatori tra medici, infermieri, educatori, assistenti sociali, agenti di sicurezza. Questo tipo di struttura è stato già sperimentata in Germania, Spagna, Norvegia, Olanda, Svizzera, Australia e Canada. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il gran rifiuto di Marine, uno schiaffo alle fighette radical chic
aaa
arrivano a milioni, ma guai se protesti

Razzisti per caso

La stilista islamica Cinzia Rodolfi è stata duramente attaccata dali radicali salafiti
Le idee dell'italiana convertita

Stilista islamica attaccata dai radicali salafiti


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU