attacco ai valori

Il Premier francese ha le palle: "Il velo in spiaggia è incompatibile con i nostri valori"

Il ritrovato populista Valls si schiera con i sindaci che hanno vietato il costume integrale islamico in spiaggia. A Cannes le prime multe

Fabio Montoli
Il Premier francese ha le palle: "Il velo in spiaggia è incompatibile con i nostri valori"

Foto d'archivio

Dopo giorni di polemiche, il premier francese Manuel Valls prende posizione sulla spinosa vicenda del divieto di indossare il burkini, il costume che copre integralmente il corpo, imposto dalla religione alle donne musulmane.

In un’intervista al quotidiano locale La Provence, Valls tira fuori le palle e non usa mezzi termini: "Questo tipo di abbigliamento è incompatibile con i valori della Francia e della Repubblica".

Il Premier francese spiega che questa imposizione è la traduzione di un progetto politico, di contro società, basata in particolare sull’asservimento della donna. "Per questo - continua Valls - è condivisibile la scelta di alcuni primi cittadini, soprattutto in questo momento di tensione, di vietare il burkini".

E anche se il governo non è al momento intenzionato a legiferare a livello nazionale sul tema, perché non ritiene che una regolamentazione generale delle prescrizioni di abbigliamento sia la soluzione, sembra che, le dure parole del Premier, siano state apprezzate oltre che dai cittadini e dai commercianti delle città balneari interessate, anche dal centrodestra francese.

Nonostante a sinistra, pure nello stesso partito socialista, non sono mancate, le critiche, il deputato di centrodestra Henri Guaino, ex stretto consigliere di Nicolas Sarkozy, rafforza il colpo sostenendo la ragione delle dichiarazioni di Valls, affermando che "nella situazione attuale è il momento di mettere fine a certi comportamenti". Sulle stesse posizioni un altro parlamentare dei Repubblicani, Thierry Solère, che loda il Premier e argomenta: "In Arabia Saudita, una donna non fa il bagno in topless o in tanga. In Francia, non si fa il bagno in burqa".

Intanto, mentre a Cannes sono arrivate le prime multe per donne che indossavano il burkini sulle spiagge cittadine, il presidente Francois Hollande, a Roma per un incontro con papa Francesco, si è rifiutato di rispondere ad una domanda in proposito dei giornalisti.

Abdallah Zekri, il presidente dell’Osservatorio contro l’islamofobia del Consiglio francese del culto musulmano, (già il nome è un programma) dichiara, noi populisti non avevamo dubbi, che questo sul burqua in spiaggia "è un dibattito inutile e un modo di fare populismo che non risolverà alcun problema reale nei rapporti con il mondo islamico francese". Noi, lo sappia il "francese" Abdallah Zekri, preferiamo, come Valls, rimanere populisti.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Salvini in Abruzzo: "Si scava nelle neve anche con le mani"
dal Centro Coordinamento Soccorsi di Penne

Salvini in Abruzzo: "Si scava nelle neve anche con le mani"

Il "Nobel per la pace" cerca la Terza Guerra Mondiale
obama ammassa truppe al confine russo

Il "Nobel per la pace" cerca la Terza Guerra Mondiale?


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU