SCHEGGE DVRACRVXIANE

C'è chi delinque per fame e chi sputa per disprezzo

Presso alcune civiltà diverse dalla nostra lo sputo è un qualcosa di ancora più pregnante e significativo, soprattutto se rivolto contro degli “infedeli”

Helmut Leftbuster
C'è chi delinque per fame e chi sputa per disprezzo

Già sottolineammo, in un precedente articolo, l'inusitato “valore aggiunto” che il più delle volte accompagna i crimini commessi da certi pagatori di pensione, ovvero l'aggressione gratuita agli agenti che tentano di contrastarli, configurabile più come tipica dell'invasore pronto alla guerra, che non del comune delinquente pronto a scappare. Ebbene stavolta analizziamo un'altra costante sovente allegata alle malefatte di certe risorse previdenziali rimaste – loro sì – a zonzo per i nostri quartieri, nonostante i tanti droni ed elicotteri sguinzagliati dal governo a caccia di Italiani considerati troppo salutisti (a proposito, ricordiamocene quando ci diranno di non avere la benzina per rincorrere stupratori e borseggiatori): lo sputare contro le vittime della propria furia delinquenziale.

Lo sputo è universalmente riconosciuto come segno di disprezzo; e riteniamo poco probabile che in un mondo ove i mercanti sono riusciti a globalizzare persino le malattie, l'univocità interpretativa di un simile ancestrale gestaccio possa vacillare. Anzi, diciamo che presso alcune civiltà diverse dalla nostra tale atto è un qualcosa di ancora più pregnante e significativo, soprattutto se rivolto contro degli “infedeli”.

Ora, confrontate la media delle notizie di cronaca avente protagonisti autoctoni con quella omologa avente protagonisti allogeni, e valutate il coefficiente statistico relativo al fenomeno dello “sputo” (verificatosi in alcuni casi addirittura in chiave untrice del virus). Noi alleghiamo qualche screenshot nella foto di copertina, ma voi, “googlandone” le parole chiave, saprete senz'altro far di meglio.

Verificato? Ebbene, cianciano tanto di odio e di disprezzo, ma quando i disprezzati siamo noi (o il nostro territorio, come accaduto a Lesbo ove i migranti hanno devastato intere piantagioni di ulivi nel più totale silenzio mediatico), chissà perché non vola mai una mosca.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Chat anti-Salvini, salta l'ANM?
i nodi vengono al pettine

Chat anti-Salvini, salta l'ANM?

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

Clandestini in rotta per l'Italia. Bloccati, ma non da noi
fermati dalla guardia costiera tunisina

Clandestini in rotta per l'Italia. Bloccati, ma non da noi

Clandestini in rotta per l'Italia. Bloccati, ma non da noi
fermati dalla guardia costiera tunisina

Clandestini in rotta per l'Italia. Bloccati, ma non da noi

Clandestini e spacciatori. In manette due "risorse" a Cremona
il loro veleno ha fatto morire una 37enne

Clandestini e spacciatori. In manette due "risorse" a Cremona


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU