francia: il modello fallito della sinistra

"L'integrazione? Non esiste". Parola di compagno buonista

Il radical-chic Bréville: "Gli immigrati europei non si sono mai inseriti". Gli rispone Limes: "A maggior ragione vale oggi per i musulmani"

Redazione
"L'integrazione? Non esiste". Parola di compagno buonista

Gli immigrati? Non si integrano e quello propagandato dalla Sinistra è un modello fallito. Questo è il succo del discorso del caporedattore di Le Monde diplomatique, il "compagno" Benoit Bréville, una fonte al di sopra di ogni sospetto ed esponente di quella sinistra radical-chic con la puzza al naso che da anni ce le va sfracellando con "accoglienza accoglienza".


Bréville adesso fa outing e ammette che gli immigrati non si vogliono affatto integrare, poche balle. L'amara constatazione di Bréville, che mette in crisi i suoi colleghi radical-chic, arriva dopo che, per l'ennesima volta, la Destra francese ha criticato l'immigrazione, con questa considerazione: in Francia gli immigrati ci sono sempre stati, ma sin che si trattava di italiani, portoghesi e polacchi, che finivano a vivere nelle banlieue circondati da miseria e ostilità, non vi era mai stato alcun problema. E soprattutto, mai nessun attentato, mai nessun attacco sistematico alle forze dell'ordine. Con l'arrivo degli immigrati musulmani la situazione si è capovolta. Ergo, il problema è l'Islam, o comunque una cultura araba che resta inassimilabile.


Bréville ha voluto rispondere, dalle colonne del suo giornale dei salotti buoni parigini, ma la cura è stata peggio del male. Nel senso che non ha potuto negare l'evidenza e che, nel tentativo un po' goffo di contestare la Destra, ha finito indirettamente col darle ragione, con queste parole: "Europei facilmente integrabili? Niente di più falso. Ogni generazione di immigrati si è preoccupata di preservare la propria identità di origine e di trasmetterla ai figli ed è stata percorsa dalle divisioni tra coloro che volevano assimilarsi e coloro che rimanevano ancorati ai propri particolarismi". Ma se questo valeva per gli europei, a maggior ragione è ancor più valido per i nordafricani musulmani.


Al caporedattore fessacchiotto le ha mandate a dire Michèle Tribalat, una demografa politicamente scorretta, che su Limes ha detto peste e corna della mancata integrazione degli immigrati. Senza peli radical-chic sulla lingua. Tribalat ha sbattuto in faccia a Bréville dati inoppugnabili. "I nostri avi d'Oltralpe", ha scritto, "potevano essere ostentatamente bigotti, ma tale sensibilità è andata perduta nei loro figli e nipoti. Nell'Islam non è così: la religione è centrale per il 43% dei musulmani nati in Francia tra il 1958 ed il 1970 e sale al 56% per quelli nati tra il 1981 ed il 1990".


Vale a dire che figli e nipoti si sono ancor più radicalizzati. E la Tribat parla addirittura di "desecolarizzazione": anziché laica, la società degli immigrati musulmani è fondamentalista fino al fanatismo religioso. E l'ultimo dato, fornito sempre su Limes, parla di un buon 80% di islamici francesi per i quali il Corano è la base di tutto. Per la Francia accogliona di Macron si peannunciano cazzi amari...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Perfino Cacciari da ragione a Salvini
"PRIMA GLI INTELLETTUALI!"

Perfino Cacciari dà ragione a Salvini

Promessa sposa a dieci anni, indagato il padre cingalese
la ragazzina per disperazione si è tagliata i polsi

Promessa sposa a dieci anni, indagato il padre cingalese

Orban: "L'Ue non vuol fermare i clandestini"
la denuncia del presidente magiaro

Orban: "L'Ue non vuol fermare i clandestini"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU