Il club Reina scelto per caso

Istanbul, il killer di Capodanno avrebbe voluto compiere il massacro in piazza

Il piano iniziale di Abdulkadir Masharipov, saltato a causa delle forti misure di sicurezza dispiegate, era quello di commettere la strage in Piazza Taksim

Redazione
Istanbul, il killer di Capodanno progettava di compiere il massacro in piazza

Da tio.ch

Abdulkadir Masharipov, l'autore della strage di Capodanno al Club Reina di Istanbul in cui morirono 39 persone, ha ammesso che il suo piano iniziale era commettere un massacro durante i festeggiamenti in Piazza Taksim, nel centro della città. Lo ha reso noto mercoledì il quotidiano Hürriyet; l'uomo ha confessato infatti l'attacco spiegando di non essere riuscito a realizzare il suo piano iniziale a causa delle forti misure di sicurezza dispiegate nella notte di Capodanno. In Piazza Taksim avviene la maggior celebrazione della città in occasione del Nuovo Anno, evento a cui partecipano migliaia di persone. Masharipov ha dichiarato che "un emiro dello Stato islamico" nella città di Raqqa gli aveva ordinato di effettuare la strage nel centro di Istanbul. "Sono andato in piazza Taksim ma c'erano troppe misure di sicurezza. Sono entrato in contatto con la persona che mi aveva dato l'ordine e mi disse di cercare un nuovo obiettivo nella zona".

"Ho percorso la costa in taxi. Il club Reina mi è sembrato il luogo ideale. Lo chiesi alla persona di Raqqa e lui mi dato l'ok", ha confermato l'uomo di origine uzbeka. Secondo le indagini, Masharipov entrò in Turchia dall'Iran a gennaio del 2016 per unirsi alla guerra in Siria e poco dopo si insediò nella città di Anatolia de Konya, dove ricevette l'ordine di effettuare l'attacco. "Non mi uccidete", è stata la prima cosa detta da Masharipov alla polizia quando è stato arrestato in un appartamento del quartiere Esenyurt di Istanbul. Insieme a lui un uomo di origine irachena, Ali Jameel Mohammed, e tre donne: una del Senegal; una proveniente dalla Somalia e un'altra egiziana. Anche la sposa e la figlia di Masharipov sono state arrestate in una casa nel quartiere di Pendik la scorsa settimana, mentre il figlio di 4 anni è stato portato in un altro luogo prima dell'arresto.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Barcellona, l'amica di Driss: "Mi chiese di convertirmi all'Islam"
Parla l'italiana che ebbe con lui una relazione

Barcellona, l'amica di Driss: "Mi chiese di convertirmi all'Islam"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU