Ritorsione pro invasione in Piemonte

Il ricatto del Pd: niente lavori pubblici nel Comune leghista che non ospita stranieri

Borgomezzavalle esclusa da una gara regionale perché rifiuta richiedenti asilo. Tra i criteri per l'assegnazione dei contributi inserita "l'ospitalità nei confronti delle popolazioni migranti"

Marco Dozio
Il Comune non vuole "profughi"? La Regione Piemonte non dà il finanziamento per asfaltare le strade

Foto ANSA

A proposito di discriminazioni. Il Comune di Borgomezzavalle, piccolo centro del Verbano-Cusio-Ossola, viene discriminato dalla Regione Piemonte, a guida PD, perché si rifiuta di ospitare presunti profughi. Una sorta di ritorsione istituzionale. L’amministrazione guidata dal leghista Alberto Preioni aveva chiesto un contributo per l’asfaltatura delle strade, partecipando a un bando sui lavori pubblici. La beffa è che la Regione, com'è scritto nella delibera di Giunta n. 41-5005 approvata lo scorso maggio, dà la “precedenza ai Comuni che sono impegnati in operazioni di ospitalità nei confronti delle popolazioni migranti in attuazione di programmi statali o regionali”, assegnando dunque un punteggio maggiore alle amministrazioni “accoglienti”.

Così i Comuni che si oppongono all’arrivo di richiedenti asilo partono in svantaggio, costretti a giocare una gara ad handicap oltretutto in un settore, quello dei lavori pubblici, che nulla ha a che vedere con la questione immigrati. E siccome il bando funziona per graduatorie, Borgomezzavalle non avendo raggiunto un punteggio sufficiente resta a bocca asciutta, senza il finanziamento per l'opera pubblica, vittima di una discriminazione istituzionale. Come se un cittadino residente in un Comune “non accogliente” avesse qualche diritto in meno, non potendo usufruire di strade riqualificate anche a causa del bizzarro meccanismo.

Preioni non si arrende: “Prevedere una premialità, punti in più in un bando sui lavori pubblici per chi ospita presunti profughi è semplicemente un’assurdità. Questo criterio di assegnazione dei contributi ci penalizza. Il punteggio relativo ai migranti incide pesantemente e così siamo stati esclusi dal bando sulla legge 18. Stiamo ipotizzando un ricorso - spiega il sindaco al Populista - Si sono inventati questa premialità solo per fare speculazione politica”.  E ancora: “Aggiungo che siamo fieri di non ospitare clandestini. Se l’avessimo fatto avremmo ottenuto un punteggio maggiore. Qual è la correlazione tra lavori pubblici e presunti profughi? Ce lo spieghino. Viviamo in un Paese, e in una Regione governata dal PD, che funziona al contrario”.

Borgomezzavalle ha poche centinaia di abitanti. Ma anche tra quelle montagne lo Stato stava per sconvolgere il tessuto sociale con disegni folli, come quello di prevedere paesi con più profughi che residenti: “Un anno e mezzo fa in una frazione di 6 abitanti volevano piazzarne 30. Ci siamo mobilitati con assemblee e iniziative inducendo la prefettura a desistere, e di certo non torneremo sui nostri passi per questa specie di ricatto”.



Ecco il requisito "migranti":

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Asti, legata e violentata per 24 ore da due tunisini
sequestrata e nascosta in uno scantinato

Asti, legata e violentata per 24 ore da due tunisini

L'Europa odierna è sulla via del tramonto: come la vecchia Unione Sovietica
il piano segreto di Merkel, Macron e Juncker

Klaus: "L'immigrazione? Voluta ad arte per annientarci"

Trieste dichiara guerra al racket dell'accattonaggio
Oltre 200 manifesti affissi in città

Trieste dichiara guerra al racket dell'accattonaggio


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU