Terrore in America

Ancora sangue negli Stati Uniti: tre agenti di polizia uccisi a Baton Rouge

Nella stessa città dieci giorni fa un agente aveva freddato un afroamericano. Trump: " Obama non ha idee. Il nostro Paese è diviso e le cose peggioreranno"

Redazione
Ancora sangue negli Stati Uniti: tre agenti di polizia uccisi a Baton Rouge

Posto di blocco a Baton Rouge dopo la strage. Foto ANSA

Nuova strage di poliziotti in America: domenica 17 luglio tre agenti sono stati uccisi e altri tre sono stati feriti a Baton Rouge, la città della Louisiana teatro poco più di dieci giorni fa dell'uccisione dell'afroamericano Alton Sterling da parte di un agente. La morte di Sterling e quella di Philando Castile in Minnesota hanno riacceso le tensioni razziali, spingendo in piazza per giorni centinaia di persone e alimentando la folle rabbia del killer di Dallas, Micah Johnson, che con i suoi colpi ha ucciso cinque agenti. A Baton Rouge la violenza è esplosa di nuovo contro la polizia: il sindaco della città Kip Holden ha descritto l'attacco come una vera e propria "imboscata". All'inizio si pensava che i killer fossero tre, ma poi le autorità hanno fatto sapere che l'uomo, ucciso dal fuoco di risposta degli agenti, ha agito da solo.

Secondo il racconto di alcuni testimoni l'assassino era vestito di nero, con il volto coperto e aveva un fucile d'assalto. L'attacco è avvenuto intorno alle 9 del mattino locali, a poco più di un chilometro dalla centrale della polizia. I colpi sparati sarebbero stati almeno 30. "Non c'è nessuna giustificazione per la violenza contro le forze dell'ordine. È un attacco codardo, faremo giustizia", ha commentato il presidente Barack Obama. L'agguato ha fatto salire l'allerta fra la polizia in tutti gli Stati Uniti. Il New York Police Department ha rafforzato l'indicazione agli agenti a muoversi in coppia e a fare attenzione a chi si avvicina. A Cleveland, teatro della convention repubblicana, la sicurezza è stata rafforzata: "Siamo pronti", ha assicurato l'agente del Secret Service a cui fa capo la sicurezza dello show della destra americana.

Donald Trump intanto ha subito replicato ad Obama: "Quanti agenti devono morire per mancanza di leadership? Chiediamo ordine", ha twittato. Gli spari di Baton Rouge arrivano pochi giorni dopo le commemorazioni a Dallas per la strage dei cinque agenti, a cui Obama ha partecipato insieme all'ex presidente George W. Bush per inviare un segnale di unità al paese. E dopo i primi incontri organizzati alla Casa Bianca fra gli attivisti, inclusi "Black Lives Matter", e le forze di polizia nel tentativo di instaurare un dialogo e stemperare le tensioni. Eppure proprio a Dallas Obama ha ammesso che la ferita razziale, per l'America, è tutt'altro che chiusa. L'Fbi intanto sta collaborando con la polizia di Baton Rouge nelle indagini, durante le quali sono stati coinvolti anche robot per verificare l'eventuale presenza di esplosivi nei luoghi della sparatoria. Il governatore della Louisiana, John Edwards, ha parlato di un "attacco ingiustificato" e ha visitato gli agenti feriti in ospedale.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"
Il tycoon reagisce alle polemiche

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU