Immigrati violenti

Magrebini circondano volante della polizia a Trento per liberare un amico fermato

Si tratta del secondo caso in pochi mesi in Piazza Santa Maria Maggiore: la scorsa volta era stata assalita una macchina dei carabinieri

Redazione
Magrebini circondano una volante della polizia a Trento per liberare un amico fermato

Una volante della polizia. Da questure.poliziadistato.it

Nella notte fra sabato 16 e domenica 17 luglio, alle 4 del mattino, due volanti in perlustrazione alla "Portela" di Trento hanno deciso di controllare un giovane marocchino che si aggirava con fare sospetto fra i vicoli di Piazza Santa Maria Maggiore, trasformata in un mercato di stupefacenti a cielo aperto. Alla vista delle volanti, il magrebino ha subito tentato la fuga; è quindi iniziato un inseguimento che si è concluso con una colluttazione e l'arresto del giovane. Mentre l'arrestato stava per essere portato in questura per i controlli di rito, un gruppo di una ventina di nordafricani ha accerchiato le due volanti della polizia tentando di aprire la portiera per far fuggire l'amico arrestato. I poliziotti sono scesi dalle volanti per cercare di calmare gli animi, ma in tutta risposta sono stati aggrediti e spintonati, poi è partito un fitto lancio di lattine di birra e bottiglie di vetro contro le due volanti e gli stessi poliziotti.

I testimoni che, svegliati dalle urla, si sono affacciati alle finestre, parlano di scene da far west e di extracomunitari invasati che senza nessun timore dei poliziotti sbucavano dai vicoli per lanciarsi in difesa degli amici. Alla fine gli agenti, circondati da decine di stranieri, sono stati costretti a fuggire anche perché stavano sopraggiungendone altri per dar man forte al primo gruppo di magrebini. I poliziotti sono comunque riusciti a portare in fondo l'arresto del marocchino e a condurlo in questura. Si tratta del secondo episodio del genere nello stesso posto, a distanza di alcuni mesi. Nel precedente attacco erano stati i carabinieri ad essere attaccati da un gruppo di nordafricani che tentavano sempre di liberare un amico, poi ripreso e arrestato l'indomani. Una situazione ormai completamente fuori controllo che peggiora ogni giorno.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU