Nuovo rogo doloso

Li vogliono rimpatriare, danno fuoco al centro di accoglienza

Fermato un gruppo di tunisini sospettato di aver appiccato le fiamme che hanno distrutto un padiglione della struttura di Lampedusa in cui erano ospitati. Mentre si moltiplicano sbarchi e tensioni

Marco Dozio
Gli ospiti non gradiscono le regole e incendiano Lampedusa

Foto ANSA

Ancora un incendio nel centro di accoglienza di Lampedusa martedì sera. E ancora una volta, con ogni probabilità, di origine dolosa. Come nei precedenti del 2009 e del 2011 quando furono gli immigrati ospiti ad appiccare il rogo. Secondo le prime ricostruzioni sarebbe stato un gruppo di tunisini, dopo che si era diffusa la notizia del loro rimpatrio, a provocare l’incendio che ieri sera ha avvolto un intero padiglione. Quattro di loro sono stati fermati mentre si allontanavano dalla struttura, gravemente danneggiata dalle fiamme. Una ritorsione, insomma. I vigili del fuoco hanno operato fino a notte per spegnere gli ultimi focolai. 

Mentre gli sbarchi proseguono incessanti. Altri 14 tunisini sono approdati ieri mattina a Cala Galera e altri 35 sono stati intercettati dalla Guardia Costiera a poca distanza dall’isola. Sbarchi, tensioni, incendi e rivolte. Nelle ultime settimane un gruppo di presunti profughi, in particolare eritrei e yemeniti, si è rifiutato di sottoporsi alle procedure di identificazione e al rilascio delle impronte digitali, inscenando una manifestazione nella piazza della chiesa madre e uno sciopero della fame e della sete durato pochi giorni.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina
Non sarà mai il nostro stile di vita

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU