IL LEADER OLANDESE NON È PREOCCUPATO

Geert Wilders in tribunale per difendersi dall'accusa di razzismo

Un sentenza del 2016 lo dichiarò colpevole di discriminazione razziale nei confronti dei marocchini, lui si difende e contrattacca: "Voglio una legge per bandire l'Islam"

Giacomo Zobbio
Il populista Wilders scatenato: "Fuori la feccia marocchina dall'Olanda"

Il politico olandese Geert Wilders è tornato in tribunale oggi per fare appello contro la condanna del 2016 per discriminazione, non pentito della battaglia personale che sta combattendo contro l'Islam. Il deputato populista ha visto aumentare le fortune del suo Partito della libertà (PPV) nelle elezioni generali e locali negli ultimi anni, tanto che ora è a capo del più grande partito di opposizione del parlamento olandese

I fatti che portarono alla condanna di Wilders risalgono al 2014. In quell'occasione il leader del PVV, nel pieno di una manifestazione, aizzòla folla chiedendo se volessero più o meno marocchini in Olanda. Quando la folla gridò "Meno! Meno!", un sorridente Wilders rispose: "Allora ci organizzeremo".

Dopo un processo di tre settimane, i tre giudici avevano stabilito che a causa "della natura infiammatoria e del modo in cui sono state fatte le dichiarazioni, una parte della popolazione si è sentita incoraggiata a discriminare le persone di origine marocchina". I giudici avevano però aggiunto che non c'erano "prove sufficienti" per stabilire se le sue parole equivalessero all'incitamento all'odio.

Nonostante questo procedimento giudiziario, ed altri attacchi di sorta, la battaglia di Geert Wilders contro l'islam non è mai fermata. Il suo PVV sta tutt'ora lavorando a una proposta di legge, da portare davanti al parlamento olandese, per approvare "una legislazione che bandisca il più possibile l'Islam" dal paese.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Sequesta bus carico di bambini, il video allucinante
Olanda: boom dei populisti al Senato
ovunque il popolo è stufo dei buonisti

Olanda: boom dei populisti al Senato

Olanda: populisti primo partito Senato
Spoglio voti al 98,5%, partito Baudet verso 13 seggi, 12 a Rutte

Olanda: populisti primo partito in Senato

La figlia Michael Jackson tenta il suicidio: "Sconvolta dalle molestie sessuali"
Tmz: "Paris scioccata da accuse sulle violenze del padre"

La figlia Michael Jackson tenta il suicidio: "Sconvolta dalle molestie sessuali"

Parigi, Gilet gialli in piazza: scontri e saccheggi
maccheròn non ha più il controllo della situaziòn

Parigi, Gilet gialli in piazza: scontri e saccheggi


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU