Un Paese colabrodo

Immigrazione da record, Zaia: "In Italia regna il caos. Adesso basta!"

Il governatore del Veneto: "L'Austria è pronta a sbarrare il Brennero e mezza Europa ha già alzato muri. Mentre la Ue brancola nel buio più assoluto, i balbettii italiani in Europa continuano senza raggiungere uno straccio di obiettivo concreto"

Redazione
Immigrazione da record, Zaia: "In Italia regna il caos. Adesso basta!"

Foto ANSA

Persino l’Austria, quella col presidente “verde” osannato dall’establishment e dai buonisti, blocca i flussi e alza le barriere per opporsi all’invasione. Mentre in Italia, Paese colabrodo, vigono caos, porte aperte senza criteri, disorganizzazione e lassismo. Il governatore del Veneto Luca Zaia lo dice a chiare lettere. Il confronto con i vicini austriaci è impietoso e inaccettabile. "L'Austria vuole chiudere la rotta mediterranea ed è pronta a sbarrare il Brennero in poche ore; mezza Europa ha già alzato muri e steso reticolati mentre le cosiddette Istituzioni Europee brancolano nel buio più assoluto, i balbettii italiani in Europa continuano senza raggiungere uno straccio di obiettivo concreto. È arrivato il momento di dire basta. Di dire o tutti o nessuno".

Il presidente leghista del Veneto si definisce "sempre più preoccupato". "Solo nel Veneto, a ieri - svela Zaia citando un report stilato dagli uffici regionali sulla base dei dati che affluiscono dal Viminale tramite le Prefetture - siamo già a 34 mila 262 arrivati e i flussi non si fermano. Dal 6 al 18 aprile abbiamo registrato altri 450 arrivi mentre, dopo le parole, i punti neri di Bagnoli, Cona e dell’ex caserma Serena di Treviso sono rimasti tali, con concentrazioni indegne, per gli immigrati e per i residenti". Il Report del Veneto indica 13.090 migrati presenti (dei quali 579 in regime di Sprar) su 34.262 arrivati.

Tradotto, c’è un esercito di clandestini totalmente fuori controllo: "21.172 persone hanno fatto perdere le loro tracce - fa notare Zaia - il che vuol dire che i fantasmi si avvicinano ad essere il doppio dei realmente presenti. Un segnale evidente che il caos continua a regnare". Tra le province, spiccano per concentrazione di immigrati, per la maggior parte arrivati da clandestini traghettati da navi delle Ong o della Guardia costiera, Padova (2.531 presenti); Verona (2.511); Treviso (2.299). Seguono Venezia (2.276), Vicenza (2.216), Rovigo (702) e Belluno (555).

"In molte altre Regioni non va meglio - attacca Zaia - mentre l'Europa si chiude sempre più a riccio, nel suo razzismo reale alternato a solidarismo di sola facciata - conclude il Governatore del Veneto - Per questo è arrivato il momento di dire forte e chiaro a questa torre di babele con sede a Bruxelles che l'Italia è allo stremo e che non è più disposta a fare l'agnello sacrificale. È ora di dire: o tutti o nessuno. E se anche uno solo si tira indietro adesso ha diritto di farlo anche l'Italia che ha un dovere verso i suoi cittadini".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU