Estorsioni e sparatorie

Sfruttavano i bimbi per confezionare e spacciare droga: 45 arresti a Napoli

Le indagini hanno riguardato due organizzazioni criminali che si sono spartite la gestione del mercato all'ingrosso di cocaina e hashish nell'area partenopea

Redazione
Sfruttavano i bimbi per confezionare e spacciare droga: 45 fermi a Napoli

Foto ANSA

Bimbi per confezionare dosi di cocaina o per consegnarle, altri minori coinvolti, insieme con numerose donne, estorsioni ai pusher e a un ristoratore: è lo spaccato di un'indagine dei carabinieri, coordinati dalla Dda di Napoli, che hanno eseguito martedì mattina un'ordinanza di custodia cautelare a carico di 45 persone contro il clan Elia. Il ristoratore era costretto dai capi clan a regalie e il pizzo era imposto anche ai gestori delle "piazze di spaccio". Le 45 persone sono ritenute a vario titolo responsabili di associazione di tipo mafioso e di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, spaccio di droga, estorsioni e detenzione e porto illegale di armi, reati aggravati dal metodo mafioso. Ricostruito dagli investigatori l'organigramma del clan camorristico degli "Elia", che controllava gli affari illeciti nel centro di Napoli dalla zona del "Pallonetto a Santa Lucia", tra piazza del Plebiscito e via Santa Lucia, a ridosso del lungomare, del Borgo Marinari e di via Partenope.

Le indagini della Squadra Mobile hanno riguardato due distinte organizzazioni criminali che si sono spartite la gestione del mercato all'ingrosso della cocaina e hashish nell'area a Nord di Napoli: è stato accertato come nel clan camorristico Amato/Pagano Rosaria Pagano, destinataria di un provvedimento restrittivo, sorella di Cesare Pagano e moglie di Pietro Amato, fratello defunto del boss Raffaele Amato, avesse assunto un ruolo di vertice e gestito direttamente gli affari illeciti del clan. Nel corso dell'operazione sono stati eseguiti arresti anche in Spagna e sequestrati beni di ingente valore tra cui società ed attività commerciali a Napoli, Roma e Caserta. Sequestrate anche unità immobiliari, beni mobili e conti correnti.

Durante l'attività investigativa ha portato al blitz dei carabinieri contro il clan camorristico Elia i militari hanno ripreso, con una microcamera installata nella zona del Pallonetto di Santa Lucia, una 'stesa': il tutto è avvenuto lo scorso 3 luglio. Nel video si vedono sei giovani, a bordo di scooter, mentre sparano numerosi colpi d'arma da fuoco in strada, a scopo intimidatorio. I bambini coinvolti nel confezionamento delle sostanze stupefacenti (cocaina, hashish e marijuana), alcuni anche di appena 10 anni, è emerso, sono tutti appartenenti ai nuclei familiari dei pusher. Prese anche 17 donne, alcune delle quali gestivano le piazze di spaccio. Sequestrate numerose dosi di dosi di droga e anche armi, tra le quali una mitraglietta.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo
non la lasciano in pace neanche da morta

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU