Dovrà pagare una sanzione di 4mila euro

Il sindaco di Alassio condannato per l'ordinanza 'antimigranti': "Lo rifarei"

Il provvedimento vietava l'ingresso ad immigrati senza certificato sanitario. "Ecco cosa si deve affrontare per difendere e tutelare i nostri concittadini"

Redazione
Il sindaco di Alassio condannato per l'ordinanza 'antimigranti': "Lo rifarei"

Il sindaco di Alassio, Enzo Canepa

Il sindaco di Alassio, Enzo Canepa, è stato condannato venerdì mattina a 4mila euro di multa dal giudice Francesco Giannone per la cosiddetta 'ordinanza antimigranti' emanata dal primo cittadino e giudicata discriminatoria. Il pm aveva chiesto anche una condanna ad un mese di reclusione ma il giudice ha ritenuto di non applicare una pena detentiva, limitandosi alla sanzione. L'ordinanza era già stata annullata dal tribunale civile di Genova e il sindaco Canepa era arrivato a giudizio perché si era opposto al decreto penale di condanna emesso dalla Procura di Savona.

"A mio avviso non c'erano i presupposti per contestare questo reato - ha detto il difensore di Canepa, Giorgio Cangiano - perché non c'è dolo specifico" quindi manca l'elemento soggettivo del reato: "era chiaro che l'ordinanza del sindaco non era stata fatta con l'intenzione di discriminare". Cangiano ha annunciato il ricorso in appello. L'ordinanza, firmata nel 2015 e intitolata 'Tutela sanitaria', vietava l'ingresso in città agli immigrati privi di certificato sanitario.

"Non nascondiamo una grande amarezza pensando che questo è ciò che si deve affrontare per cercare difendere e tutelare le nostre città, i nostri concittadini e le loro imprese. Rifaremmo tutto quello che abbiamo fatto, presenteremo appello convinti di aver agito nel giusto senza alcuno spirito razzista o discriminatorio e perché desideriamo fortemente sostenere la nostra completa innocenza": queste le parole di Canepa a commento della sentenza. "Siamo pronti a farci valere - ha concluso il primo cittadino del comune ligure - e a dimostrarlo in tutte le sedi".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Baby gang terrorizzava Mantova. Arrestato il capo
violenti pestaggi e rapine a suon di botte

Baby gang terrorizzava Mantova. Arrestato il boss


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU