Braccio di ferro col governo

Scandalo Consip, Salvini: "Marroni non si deve dimettere. Dica quello che sa"

Il leader della Lega sospetta che qualcuno voglia silenziare un testimone chiave: "Non vorrei che azzerassero tutto perché c'è qualcuno che vuole parlare"

Redazione
Scandalo Consip, Salvini: "Marroni non si deve dimettere. Dica quello che sa"

Foto ANSA

"Marroni deve parlare. Se ha sollevato dubbi su appalti, politica e sinistra deve poterlo dire e noi non accetteremo che venga silenziato". Lo ha detto domenica Matteo Salvini, intervenendo a L'intervista di Maria Latella su SkyTg24 dicendosi "assolutamente contrario" all'ipotesi che l'amministratore delegato Marroni "lasci la Consip, si dimetta". Secondo il leader leghista, infatti, "deve poter parlare e dire se c'è stato qualcosa di illecito". Il sospetto è quello che lo si voglia silenziare: "Non vorrei che azzerassero tutto perché c'è qualcuno che vuole parlare", ha concluso.

Sabato un intervento del governo ha costretto alle dimissioni due dei componenti designati dal Tesoro, il presidente Luigi Ferrara e la consigliera Marialaura Ferrigno, provocando così la decadenza dell'intero consiglio di amministrazione di Consip, la centrale d'appalto statale al centro dell'inchiesta giudiziaria che ha coinvolto il ministro Luca Lotti e il padre dell'ex premier Tiziano Renzi. Marroni però non ha intenzione di dimettersi, ed è pronto ad ingaggiare un braccio di ferro con il governo. L'ad è uno dei testimoni chiave dell'inchiesta su appalti miliardari.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Roma, aggredisce i passanti con una mannaia e rischia il linciaggio
chiedeva soldi davanti al centro commerciale di guidonia

Roma, aggredisce i passanti con una mannaia e rischia il linciaggio

Giggino, il (quasi) fallito, ha 60 giorni per trovare 2 miliardi
Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Giggino, il (quasi) fallito, ha 60 giorni per trovare 2 miliardi


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU