chiederanno un risarcimento

Nizza: le famiglie islamiche faranno causa al Comune

I parenti delle vittime hanno annunciato l'intenzione di denunciare lo Stato e il comune cittadino perché ritengono che il dispositivo di sicurezza fosse insufficiente

Redazione
Nizza: le famiglie islamiche faranno causa al Comune

Foto ANSA

Alcune famiglie delle vittime dell'attentato di Nizza hanno annunciato l'intenzione di denunciare lo Stato e il comune cittadino perché ritengono che il dispositivo di sicurezza messo in campo per la Festa nazionale del 14 luglio non fosse all'altezza della minaccia. Tra queste, anche la famiglia di Fatima, la madre di sette figli scomparsa nel dramma. Per Hanane, una delle figlie, il dispiegamento di forze era troppo leggero. "Non è normale che un camion, soprattutto un tir, possa circolare liberamente. Tutti i nostri conoscenti, ma anche persone che non conosciamo, ci suggeriscono di sporgere denuncia", ha detto ai microfoni di radio Europe 1.


"C'erano pochissimi agenti", dice da parte sua Kamel, che ha perso la figlia di 8 anni, il nipote di 2 e la mamma. Sporgerà denuncia anche lui per permettere di capire come sia possibile che tutto ciò sia accaduto. "Non voglio che succeda ancora", ha aggiunto. Per essere più forti lui e altri familiari intendono unirsi in una sorta di class action per denunciare il comune di Nizza e lo Stato francese.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Saviano da del mafioso a Salvini
il naufragio del pensiero

Saviano dà del mafioso a Salvini

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU