stampa e regime

Giornali e tv alla corte del Nazareno

Dal palinsesto RAI ai giornali, la fisionomia della "Informazione" ai tempi di Renzi

Andrea Lorusso
Giornali e tv alla corte del Nazareno

Foto ANSA

È un Presidente del Consiglio disintermediato, così lo definiscono i guru della comunicazione. Risponde alle domande che più gli aggradano con le clip sul web, twitta ed epura. Come il conduttore di Virus su Rai2 Nicola Porro, che si è visto cancellare la trasmissione senza tante motivazioni e senza tanti perché, semplicemente non era un giornalista gradito.

Ma anche nel mondo dei giornali ci sono grandi e piccole manovre. Angelucci, deputato di Forza Italia ed editore di Libero, ha dato il benservito al direttore Maurizio Belpietro, che con un editoriale a nove colonne aveva denunciato la deriva antidemocratica presa dal Governo con il Referendum Costituzionale. E poi aveva una grande macchia indelebile sul curriculum, si ostinava a non cancellare la parola: “berlusconiano.”

Via Belpietro, torna lo storico fondatore Vittorio Feltri, secondo indiscrezioni, più accomodante sul renzismo di maniera. Feltri, penna eccellente e scanzonata, non è nuovo a parabole e cambi di opinione non sempre molto lineari. Ed ha sempre avuto il suo peso nel portare a rialzo le tirature delle testate che ha guidato. Ovviamente, per il Referendum ha espresso un bel Sì.

Ma in ballo c’è di più, chiaramente. Un dominio culturale, cercare sempre più alleati non all’interno del Parlamento ma intorno, nel mondo che chiacchiera, che commenta, che scrive. Rendere tridimensionali i bollettini governativi, indossare gli occhialini e godersi la proiezione di maggioranza. Il vero cinema tuttavia sta nei negativi delle pellicole, non nei bonus, nei proclami, negli spot trailer da 80 euro. È bene non addormentare le coscienze, per essere pronti a girare un altro film.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Tav: tutto fermo, tutto tace
la lega: "maggioranza spaccata"

Tav: tutto fermo, tutto tace

Cari immigrati, state arrivando in un Paese morente
tolo tolo. ed il migrante resta solo

Cari immigrati, state arrivando in un Paese morente

Cari immigrati, state arrivando in un Paese morente
tolo tolo. ed il migrante resta solo

Cari immigrati, state arrivando in un Paese morente

Tav: tutto fermo, tutto tace
la lega: "maggioranza spaccata"

Tav: tutto fermo, tutto tace

Milano in movimento. E Beppe Sala fa una figuraccia
nei poster ciclisti sulle strisce pedonali

Milano in movimento. E Beppe Sala fa una figuraccia

Case Aler, figuraccia Pd al Pirellone
andrea monti: "dem usciti con le costole rotte"

Case Aler, figuraccia Pd al Pirellone


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU