Fedriga: "Siamo alla follia"

Milano, l'accoltellatore inneggiava all'Isis. La Lega: "Servono altri controlli"

Mentre il comune insiste con la marcia pro immigrati, emergono particolari inquietanti sull'uomo che ha ferito poliziotto e militari dentro la stazione

Redazione
Milano, l'accoltellatore inneggiava all'Isis. La Lega: "Necessari altri controlli"

Composizione da foto ANSA

Sono ancora ricoverati, coscienti e sotto osservazione, l'agente della Polfer e il militare semplice dell'Esercito accoltellati nella serata di ieri in Stazione Centrale a Milano, mentre un caporale maggiore è stato dimesso con prognosi di 7 giorni. L'aggressore, arrestato per tentato omicidio, è un ventenne di madre italiana e padre magrebino, sul quale sono emersi particolari inquietanti. Il 24 settembre 2016 infatti su un profilo a nome Ismail Hosni, che apparterrebbe al giovane di origini tunisine, e non marocchine come era stato comunicato inizialmente, è stato postato un video inneggiante all'Isis. La traduzione dall'arabo del commento del giovane che accompagna le immagini postate è: "Il più bell'inno dell'Isis che abbia mai sentito in vita mia". Con precedenti per droga, era stato arrestato lo scorso dicembre proprio in Centrale per spaccio. "È una sorta di nomade che viveva in una specie auto" ha detto il questore, Marcello Cardona, precisando che Hosni era stato in Tunisia fino al 2015.

La Questura ha ricostruito così l'accaduto: "Presso la Stazione Centrale di Milano, poco dopo le 20.00, una pattuglia mista composta da un agente della Polizia Ferroviaria del Settore Operativo Milano Centrale e due militari del 132° Reparto Artiglieria Terreste Ariete, nell'ambito dei quotidiani servizi di prevenzione e controllo finalizzati al contrasto dei fenomeni di criminalità, notava nel piano ammezzato dello scalo ferroviario, un ragazzo che transitava con passo spedito e fare sospetto. Alla richiesta da parte degli operatori di esibire un documento di identificazione, il ragazzo, che al momento del controllo aveva le mani nelle tasche della felpa, con mossa fulminea estraeva due coltelli e cominciava a sferrare fendenti nei confronti degli operanti colpendo l'agente della Polizia di Stato al braccio destro, all'altezza del bicipite, per poi sferrare ulteriori due coltellate nei confronti dei due militari".

"Uno di loro, militare semplice di anni 21, veniva accoltellato al collo, all'avambraccio destro e ad entrambi i fianchi, mentre il caporale maggiore scelto di anni 34 veniva ferito all'altezza della spalla destra. Gli operanti, con non poca difficoltà a causa delle ferite riportate e della violenza dell'aggressore, riuscivano ad immobilizzarlo e a consegnarlo a un'altra pattuglia della Polfer, intervenuta prontamente in ausilio, che provvedeva a condurlo presso i propri uffici in Stazione e a trarlo in arresto per tentato omicidio. I tre sono stati soccorsi e trasportati il poliziotto all' ospedale Fatebenefratelli e i militari all'ospedale Sacco dove sono stati sottoposti alle cure. Attualmente l'agente della Polfer e il militare semplice sono ancora ricoverati, coscienti e sotto osservazione e non vi è stato interessamento di loro organi vitali mentre il caporale maggiore è stato dimesso con prognosi di sette giorni".

Il questore Cardona ha spiegato che Hosni vive a Milano "come una specie di nomade, uno dei tanti che bivaccano nella zona della stazione Centrale". Sul giovane starebbe indagando anche il pool antiterrorismo, che sta cercando di capire se avesse o meno contatti con l'ambiente del radicalismo islamico. L'episodio è avvenuto nella stessa giornata nella quale in Prefettura è stato firmato, dopo mesi di confronto tra il comune e le aree vicine, un protocollo sull'accoglienza; inoltre per sabato è programmata la manifestazione 'Milano 20 maggio Insieme senza Muri' patrocinata dal Comune. Il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha scritto su Facebook: "Immigrato nordafricano, già arrestato per droga, accoltella un militare e un poliziotto durante un controllo in Stazione Centrale a Milano. E quei fenomeni del PD cosa fanno? Organizzano per sabato la 'Marcia per i migranti'. Ignoranti e complici, razzisti con gli italiani. #votosubito #stopinvasione".

"Siamo alla follia. Vorremmo sapere cosa dicono Boldrini, Renzi, Alfano e tutti i ben pensanti che ancora predicano a vanvera l'immigrazione incontrollata e l'accoglienza di 'risorse' esplosive. Altro che marcia pro immigrati, servono urgentemente controlli a tappeto, espulsioni e la chiusura delle nostre frontiere. Il Paese è completamente asservito a questa gente che altro non fa che rigettare le minime e basilari regole sociali. Criminalità, disordini, aggressioni, alla faccia della riconoscenza. Ora non è neanche più possibile effettuare un semplice controllo di routine che subito scattano i coltelli. Piena solidarietà all'agente della Polizia ferroviaria e ai militari feriti dal tunisino nato in Italia e 'super integrato'. I responsabili di questo scempio, perpetrato in nome del business di clandestini e mascherato da un ignobile finto buonismo hanno nomi e cognomi. Ed è giusto che chi sbaglia paghi e vada a casa. Elezioni subito per restituire al Paese sicurezza e dignità". Così Massimiliano Fedriga, capogruppo alla Camera della Lega.

"Se, come sostengono alcuni esponenti del governo e dell'amministrazione comunale, in termini di immigrazione e accoglienza Milano anticipa il futuro non abbiamo di che stare tranquilli. Chiederò personalmente al prefetto e al questore di effettuare altri controlli in Stazione Cantrale. Il blitz di alcuni giorni fa è stato importante, ma serve un presidio costante". Lo ha detto Simona Bordonali, assessore leghista alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia in merito all'aggressione. "L'immigrazione - ha concluso - è fuori controllo e sta producendo disastri per la sicurezza dei cittadini e degli agenti delle Forze dell'ordine. Solidarietà e vicinanza al militare e al poliziotto colpiti. Ora è tempo di rimandare al proprio Paese tutti coloro che non hanno diritto a restare qui".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Cerimonia Ventaglio aglio aglio
Video shock/ Maria Antonietta non ha capito la lezione delle amministrative

Boldrini: "Rimandare lo Ius Soli è un torto che non porta bene"

Berlusconi apre al PD riguardo l'accoglienza degli immigrati
Mentre Renzi tratta con l'opposizione per la legge elettorale

Berlusconi apre al PD riguardo l'accoglienza degli immigrati

Cerimonia Ventaglio aglio aglio
Video shock/ Maria Antonietta non ha capito la lezione delle amministrative

Boldrini: "Rimandare lo Ius Soli è un torto che non porta bene"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU