qualche volta tocca anche ai buonisti

"Accoglienza, accoglienza", ma i ladri in casa Prodi erano nomadi

Sarebbero entrati nel palazzo approfittando dell'uscita di un altro condomino e poi nell'appartamento forzando la porta

Redazione
"Accoglienza, accoglienza", ma i ladri in casa Prodi erano nomadi

Foto ANSA

Due donne nomadi sono state identificate e sono sospettate come autrici del furto nella casa di Bologna di Romano Prodi, in via Gerusalemme, la sera del 20 aprile. Lo scrive il Resto del Carlino e la notizia trova conferme in ambienti investigativi. Le due, senza fissa dimora e riconosciute dalle immagini delle telecamere, sarebbero entrate nel palazzo approfittando dell'uscita di un altro condomino e poi nell'appartamento forzando la porta, chiusa senza mandate, con una lastra di plastica.


Quindi hanno rubato medaglie e altri oggetti di valore per circa 30mila euro, "i ricordi di una vita" come aveva detto l'ex premier i giorni successivi. Le indagini sono della Polizia.

 Secondo quanto si apprende le due nomadi sono sospettate anche di altri furti in zone centrali della città, tra cui quello a casa del playmaker della Virtus Basket Oliver Lafayette, a metà aprile. E' confermato dunque che nei confronti del Professore non si è trattato di un'azione mirata, ma di un furto comune.
   

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Roma, colpo ai Casamonica: 31 arresti
blitz contro la nota famiglia sinti

Roma, colpo ai Casamonica: 31 arresti

Milano, mignotte "China" addio
giro di vite sui bordelli cinesi

Milano, mignotte "China" addio


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU