Estorsione con modalità mafiose

Palermo, sequestrati beni per 200mila euro a commerciante vicino a Cosa Nostra

Messi i sigilli a un internet point e un negozio di casalinghi e ferro. Contestata all'uomo la tentata estorsione aggravata dalle modalità mafiose

Redazione
Palermo, sequestrati beni per 200mila euro a commerciante vicino a Cosa Nostra

Operazione della Polizia a Palermo. Foto ANSA

Beni per 200mila euro sono stati sequestrati ad Alessandro Cutrona, 32 anni, già sottoposto a sorveglianza speciale in quanto indiziato di appartenere a Cosa Nostra. Il provvedimento è stato eseguito sabato 15 ottobre dalla Polizia di Stato, sezione patrimoniale dell'Ufficio misure di Prevenzione della questura. Così, su proposta del questore Guido Longo, i sigilli sono scattati per un internet point e un negozio di casalinghi e ferro, entrambi in Via Calderai. Sequestrata anche un'auto. Cutrona è stato condannato per rapina aggravata e lesioni personali ed è stato arrestato per il reato di tentata estorsione aggravata dalle modalità mafiose.

L'uomo si sarebbe peraltro occupato della "sistemazione" di un cantiere. Lo scorso 23 maggio era stato arrestato nell'ambito dell'operazione "Maqueda" della Squadra mobile che ha azzerato un pericoloso gruppo armato che per lungo tempo si era brutalmente imposto sul territorio del centro storico di Palermo, terrorizzando i commercianti. Gli arrestati, vicini alle cosche mafiose di "Palermo Centro", erano accusati di decine di reati aggravati dal metodo mafioso. Dopo il blitz erano giunte alla Squadra Mobile, da fonti anonime, una serie di informazioni relative proprio alle attività commerciali riconducibili a Cutrona.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Sondaggio SWG: la Lega torna a crescere
centrodestra primo partito, poi pd e m5s

Sondaggio SWG: la Lega torna a crescere

Gli immigrati appena sbarcati si pappano anche il bonus bebè
Avanti, in Italia ci sono soldi per tutti

Gli immigrati appena sbarcati si pappano anche il bonus bebè

Ladro ucciso: archiviata l'accusa di omicidio per Sicignano
i familiari dell'albanese fanno opposizione

Ladro ucciso: archiviata l'accusa di omicidio per Sicignano


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU