lo scippo di Agenzia delle Entrate e Riscossioni di Udine

Vessato dal fisco, affida ai social la sua protesta. "Prelevati indebitamente quasi 5mila euro"

"Dopo aver pagato il rav in banca, la nuova Agenzia si è appropriata automaticamente dello stesso importo per lo stesso debito, prelevando indebitamente 4.578,20 euro dal mio conto corrente"

Redazione
Vessato dal fisco, affida ai social la sua protesta. "Prelevati indebitamente quasi 5mila euro"

Vessato dal fisco, si è sfogato sulla pagina Facebook di Lino Ricchiuti, presidente del movimento politico Popolo Partite Iva. Lui si chiama Ugo Martin e si domanda: "Come mi dovrei comportare con la ex Equitalia? Dopo che ho pagato il rav in banca, la nuova Agenzia delle Entrate e Riscossioni di Udine automaticamente si appropria dello stesso importo per lo stesso debito, prelevando indebitamente altrettanti 4.578,20 euro dal mio conto corrente. Questa notte non riuscivo a dormire pensando che ciò poteva succedere ed è successo! L'Agenzia delle Entrate riscossione responsabile della manipolazione dei miei risparmi è quella di Udine, Regione tanto decantata per la sua infallibilità. Cosa potremmo aspettarci in tutta Italia? Siamo gestiti da personaggi ben pagati anzi super pagati che non sanno fare il loro dovere".


"Il cittadino che sbaglia paga sempre, loro non pagano mai", ha proseguito. "Se questo fatto fosse avvenuto a Napoli o al Sud sarebbero definiti tutti come MARIUOLI; ditemi voi che leggete, questi Friulani come li dobbiamo chiamare? Sfortuna loro sono incappati in un cittadino che sa leggere le carte e sa anche valutare quando c'è incompetenza, malafede e ignoranza; questo sono io. Nei social circolano frasi oltraggiose verso lo Stato che ci amministra; dopo quello che mi è successo non posso che associarmi alle loro esternazioni. Io dico se questo fatto fosse capitato a un signore anziano incapace di controllare i suoi conti e privo di supporti che fine avrebbero fatto questi soldi? Ve lo dico io, con molta probabilità nelle tasche di qualche furfante; oramai accendi la televisione e senti l'onorevole imputato qua, l'assessore imputato là; ci sono senatori ancora in carica con anni di galera da scontare e sono ancora in libertà. Lo stato che ne dovrebbe essere il garante si comporta da struzzo".


"Io da cittadino italiano di 73 anni non dico povera Italia, dico poveri italiani, come siamo finiti in basso. Poco fa sono uscito dall'Agenzia delle Entrate e riscossione di Udine per capire la diatriba; con senso quasi noncurante mi ha detto che mi verranno restituiti i soldi; segnalo l'atteggiamento spavaldo dell'operatore che non ha avuto nemmeno l'umiltà di scusarsi dell'accaduto. Stiamo vivendo in uno Stato di forza, strafottente verso il cittadino che è palesemente debole. Prego tutti coloro che leggono questa mia, a tutela dei cittadini indifesi, di capire che potrebbe succedere anche a loro. Pertanto pubblicate questa notizia su tutti i social network possibili affinché tutta l'Italia e gli italiani sappiano i rischi che corrono con la gestione attuale delle autorità competenti. F.to Ugo Martin.

P.S.: tralasciando il rigo del "Napoli e Sud", in quanto i marioli stanno ovunque , vediamo la luna non il dito. Ecco, questo è il primo esempio di come potrà gestire direttamente il nostro conto corrente la nuova società voluta da Renzi".


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

IMMAGINI FORTI / Sparatoria a Carbonara, muore il figlio del boss
video non adatto ad un pubblico di minori o impressionabile

IMMAGINI FORTI / Sparatoria a Carbonara, muore il figlio del boss

Insulta Salvini e aggredisce un carabiniere. Denunciato rumeno
inferocito per essere stato richiamato all'educazione stradale

Insulta Salvini e aggredisce un carabiniere. Denunciato rumeno

Fotonotizia / Lega in continua ascesa, il Pd continua a perdere colpi
sondaggio swg: la priorità per gli italiani? la fornero

Fotonotizia / Lega in continua ascesa, il Pd continua a perdere colpi

Orban: "L'Ue non vuol fermare i clandestini"
la denuncia del presidente magiaro

Orban: "L'Ue non vuol fermare i clandestini"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU