SCHEGGE DVRACRVXIANE

Bibbiano come la rupe di Sparta. Anzi, peggio

L’arrogante silenzio mediatico, mirato a soffocare la consapevolezza dell’opinione pubblica sui fattacci di Bibbiano, non può che esser prova di...

Helmut Leftbuster
Bibbiano come la rupe di sparta. Anzi, peggio

Come tutte le espressioni immanenti e di pubblico dominio, anche il “mettete in salvo anziani, donne e bambini” esprime un’esigenza umana consacrata come tale nella più basica antropologia: stabilire quali siano le categorie sociali a rischio e proteggerle.

Naturalmente tutto questo vale nel mondo di Abele. Perché, in quello di Caino, al contrario, tali categorie divengono gli obiettivi privilegiati di una distruttività nichilista fatta di mercantilismo arraffone, odio per il senso di appartenenza, e ideologia mondialista. Non a caso “anziani, donne e bambini” sono stati sostituiti con la sola categoria propagandata come meritevole di tutela dal sistema: quella del migrante apolide, giovane, maschio e produttivo.


Suvvia, leviamoci il prosciutto dagli occhi: i nostri anziani sono vilipesi e macellati da delinquenza d’importazione, menefreghismo socioculturale e filosofia eutanasica. Le donne sono lasciate alla mercé di violenze e stupri etnici che, fra una “distrazione” legislativa e una botta di lassismo giudiziario, vengono tollerati in ossequio al politicamente corretto di stampo multiculturalista che ha pensionato quello di stampo femminista.

Della terza categoria, i bambini, avremmo voluto non dover parlare mai; ma purtroppo, dato che la realtà della cronaca supera la fantasia più orrorifica, siamo costretti a farlo eviscerando proprio quei lati oscuri la cui abnormità funge, paradossalmente, alla causa dell’incredulità.

Anzitutto l’arrogante silenzio mediatico, mirato a soffocare la consapevolezza dell’opinione pubblica sui fattacci di Bibbiano, non può che esser prova di una pervicace e ramificata progettualità politica che ben poco ha a che fare col fattarello di cronaca che vorrebbero scodellarci: dietro la maxi-indagine denominata “Angeli e Demoni” si cela un intricato coacervo di interessi economici, vizio, demolizione dei basilari gangli familiari del Diritto, e, soprattutto, un ulteriore fronte d’assedio alla demografia nazionale.

Ma quel che più ci preme sottolineare è l’epocalità di un tale orrore; era dai tempi di Sparta che non si assisteva ad un qualcosa di così cinico ed immorale, perpetrato contro il proprio stesso sangue.

Già, perché qua non si parla di violenze, vessazioni e rapimenti perpetrati a danno dei minori di uno stato belligerante: qua si parla del male fatto ai nostri figli in “tempo di pace” e proprio da parte di coloro che avrebbero dovuto proteggerli. Esattamente come avveniva a Sparta, ma con una differenza fondamentale: lì i bambini venivano sacrificati, se malformati, in ossequio al superiore interesse della comunità ad avere un esercito invincibile.

Un interesse barbarico, certo, disumano, se letto con la sensibilità di 3000 anni più tardi; ma pur sempre un interesse costruttivo, non distruttivo.

A Bibbiano, invece, l’interesse era di segno diametralmente opposto: vilipendere bambini sanissimi proprio nell’intento di deturparne indole e salute, immolandoli alla causa della programmatica demolizione del tessuto sociale nazionale.

Ebbene, se questi sono i frutti del progresso post-illuminista, post-rivoluzionario e post-sessantottino, aridatece Licurgo e Leonida.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il Governo MaZinga mette una pietra tombale sull'Autonomia
il prof bruno galli: "sacrificata al salva-poltrone"

Il Governo MaZinga mette una pietra tombale sull'Autonomia

La cultura secondo i Cinquestelle: affossare i musei
grimoldi: "colpo di coda centralista"

La cultura secondo i Cinquestelle: affossare i musei

Di Maio: "Non cerco poltrone"
pronto ad allearsi con gli "odiati" piddini dice che...

Di Maio: "Non cerco poltrone"

Pola 18 Agosto 1946: la strage dimenticata
Pola 18 Agosto 1946: la strage dimenticata

Pola 18 Agosto 1946: la strage dimenticata

“Siamo tutti sulla stessa barca”? Certo, ma cominciando dagli italiani...
Don Piacentini: ora i centri sociali e l’ultrasinistra ne disturbano pure la Messa

“Siamo tutti sulla stessa barca”? Certo, ma cominciamo dagli italiani...

E per alcuni fu "reddito di scrocconeria"...
l'inchiesta shock di la7 in sicilia

E per alcuni fu "reddito di scrocconeria"...

Autonomia per Ostia: non c’è due senza tre…
Malgoverno M5S: prossima “secessione” dal Comune di Roma?

Autonomia per Ostia: non c’è due senza tre…


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU