Marocco a luci rosse

Il PIL a Marrakech? Lo salvano le escort

Un'intera economia basata sulla prostituzione. Accade a Marrakech, ove uomini e donne si vendono per pochi soldi e si pubblicizzano persino su YouTube

Redazione
Il PIL a Marrakech? Lo salvano le escort

Marrakech capitale della prostituzione. In barba a chi invoca sempre il burqa, il meretricio fa girare alla grande l’economia locale ed il Governo tace

Nonostante i servizi di denuncia delle emittenti locali e la presenza, su YouTube, di veri e propri videoannunci. Sono ben 50.000 le prostitute del Marocco, le ha contate il locale Ministero della Salute, che ne ha catalogate ben 19.000 solo tra Agadir, Fes, Rabat e Tangeri. Ma la capitale del sesso, negozi alla moda di giorno, discoteche e ristoranti a luci rosse la notte, è Marrakech. Non ci sono protettori, in quanto le ragazze si offrono liberamente; hanno tra i 18 ed i 20 anni e coistano dai 500 ai 700 dirham (50-70 euro) a prestazione. I luoghi di ritrovo sono piazza 16 novembre, avenue Mohammed V e rue Yugoslavie di giorno; la notte, si impazza nei quartieri di Gueliz e Hivernage, dove si concentra la movida notturna.

Per una notte intera le più belle, spesso selezionate dai gestori dei locali notturni, chiedono 300 euro, cena inclusa a carico del cliente e ad accorrere sono spesso i danarosi sauditi e non solo gli europei. E c’è tutto un mondo che ruota attorno alla sharmoota, la prostituta, e vive sulle sue spalle, con un’organizzazione che è al top: ci sono persino parrucchieri ed estetiste aperti h24 per acconciarle al meglio per i clienti più facoltosi. Nel 2000 un’associazione islamica italiana aveva denunciato on line il fatto che molte di queste, riciclatesi come brave ragazze, venissero reclutate dagli jihadisti e portate in Italia come premio per gli aspiranti kamikaze; altre puntano realmente ad affrancarsi assicurandosi una rendita a vita ed un passaporto, di solito per l’Europa.

Le più sfortunate, cioè le più vecchie, si rassegnano a vivere nella miseria, vendendosi nel quartiere povero della Medina, nell’antico quartiere ebraico, il Mellah, ove con 2 euro la prestazione si consuma in un angolo del suk.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La storia del cantante contro tutte le dipendenze
Anteprima nazionale del film “Una canzone per mio padre”

La storia del cantante contro tutte le dipendenze

Via Salvini, "sbarchi come se piovesse"
calderoli: "ne arrivano a centinaia, grazie alle ONG"

Via Salvini, "sbarchi come se piovesse"

La Lega chiede il referendum elettorale
calderoli: "decida il popolo e non il palazzo"

La Lega chiede il referendum elettorale

Benevento, "risorsa" segaiola gira nuda tirandosi le pippe
quando ha visto una donna ha iniziato a toccarsi

Benevento, "risorsa" segaiola gira nuda tirandosi le pippe

Bin Laden kaputt, perché non ce l'hanno detto
sperando che qualcuno non spalanchi i porti ai terroristi in fuga...

Bin Laden kaputt, perché non ce l'hanno detto

Bomba in Siria. Ed è strage di bambini
Nessuna organizzazione ha rivendicato l'attentato

Bomba in Siria. Ed è strage di bambini

Oggi Johnson vede Juncker. Rifiuterà offerte rinvio Brexit
Vertice in Lussemburgo: "Intesa entro il 18 ottobre o no deal"

Oggi Johnson vede Juncker. Rifiuterà offerte rinvio Brexit


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU