In provincia di Firenze

Lavoro illegale cinese: blitz dei finanzieri

La guardia di finanza ha fatto irruzione in quattro capannoni nella zona industriale di Campi Bisenzio (Firenze), sede di nove ditte specializzate nella produzione di pelli e vestiario. All'interno sono stati trovati 74 lavoratori cinesi che lavoravano in condizioni di particolare degrado e in ambienti privi dei requisiti di sicurezza

Ismaele Rognoni
Lavoro illegale cinese: blitz dei finanzieri

Foto ANSA

Blitz notturno della guardia di finanza in quattro capannoni nella zona industriale di Campi Bisenzio (Firenze), sede di nove ditte specializzate nella produzione di pelli e vestiario. All'interno sono stati trovati 74 lavoratori cinesi che lavoravano in condizioni di particolare degrado e in ambienti privi dei requisiti di sicurezza, alcuni dei quali adibiti a dormitori.

Erano 25 gli operai impiegati 'al nero', quattro dei quali denunciati poiché senza permesso di soggiorno, e 41 quelli assunti in modo irregolare. I titolari di quattro imprese, cinesi, sono stati denunciati per aver impiegato lavoratori irregolari in Italia.

Le sanzioni amministrative comminate ai datori di lavoro e agli operai privi di permesso di soggiorno ammontano complessivamente a 110 mila euro. Alle verifiche hanno partecipato anche funzionari dell'Asl e personale dell'ispettorato del lavoro di Firenze, che ha disposto la sospensione dell'attività per sei ditte.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni. Che scoppia a piangere
rabbia e indignazione per la "sparata" del sultano

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni

La guerra del futuro
Cristiani a Gerusalemme: capitolo chiuso?

La guerra del futuro

"Risorsa" rumena deruba avvocato: colf in manette a Foggia
INDAGINI POLIZIA PER IDENTIFICAZIONE COMPLICI

"Risorsa" rumena deruba avvocato: colf in manette a Foggia

Sana Cheema, i parenti non si trovano
accusati in italia di omicidio

Sana Cheema, i parenti non si trovano

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"
stupro di rimini, l'avvocatessa buonista

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU