Intervista al Governatore del Veneto

Referendum, Zaia: "Votiamo No per non diventare come la Grecia"

"La battaglia è tra due visioni: quella centralista e quella federale. Non vogliamo dare poteri ad uno Stato che non è neanche in grado di garantire gli insegnanti per i nostri figli alla riapertura delle scuole"

Marco Dozio
Referendum, Zaia: "Votiamo No contro il centralismo di Renzi. Difendiamo le autonomie"

Foto ANSA

Luca Zaia, governatore del Veneto, quella di Renzi è una riforma centralista?
Assolutamente sì. Renzi ha disegnato un sistema centralista per questo Paese. La sfida è tra due correnti di pensiero. Chi come Renzi pensa che il modello statuale vincente sia il centralismo e quindi immagina un Paese simile alla Grecia, dove Atene controlla anche l’ultima isola del mar Egeo. E chi come noi pensa invece che il futuro sia autonomista, federalista, all’insegna della valorizzazione delle identità e delle eccellenze territoriali, simile alla Germania che con i suoi lander ottiene gli ottimi risultati che conosciamo.

Le eccellenze delle regioni virtuose sono a rischio?
Viene introdotta la clausola di supremazia dello Stato centrale. Chi vota sì vota contro l’autonomia, è bene esserne coscienti. Inoltre Renzi dice che le regioni sono un problema, ma si preoccupa di svuotare le competenze solo delle regioni a statuto ordinario, mentre blinda quelle a statuto speciale a cui non vengono nemmeno applicati i costi standard. E non se ne capisce il motivo.

Un esempio?
Significa che la Sicilia continuerà ad avere 22mila forestali e il Veneto 400. Questa è incoerenza pura, è un’equa divisione del malessere. Un assunto secondo il quale bisogna azzoppare i virtuosi affinchè corrano poco e male come i non virtuosi. Non ha senso togliere alle regioni virtuose la competenza per esempio della sanità per farla gestire allo Stato. Lo stesso Stato che non è neanche in grado di garantire gli insegnanti per i nostri figli alla riapertura delle scuole. Dove governa Roma, in Veneto, i risultati sono pessimi. Dove governa il Veneto, in Veneto, i risultati sono ottimi.

Molti cittadini però sembrano ignorare i pericoli di una riforma che schiaccia le autonomie per lasciare campo alle inefficienze dello Stato centrale.   
La fortuna di Renzi è che chi vota sì molto spesso non conosce la riforma. Vota a sensazione. Sono state vendute suggestioni come quella dell’abolizione del senato. Alcuni cittadini disinformati credono che il senato sparirà. Mentre resta, come resta il bicameralismo paritario, dato che un terzo de senatori potrà modificare le leggi della camera. Dobbiamo votare No per scongiurare tutto questo.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Rifugiati, l'Onu approva il Global compact on Refugees
vogliono farci invadere a tutti i costi

Rifugiati, l'Onu approva il Global Compact on Refugees

Stasera tutto esaurito a Parma per “Red Land - Rosso Istria”
Dopo il boicottaggio dei “neo-comunisti” a Pordenone…

Stasera tutto esaurito a Parma per “Red Land - Rosso Istria”

"I militari non possono non essere sovranisti"
Il Generale Marco Bertolini striglia la politica

"I militari non possono non essere sovranisti"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU