Per far valere i propri diritti

I terremotati in piazza a Montecitorio: "Dove sono i soldi promessi dal governo?"

Da Marche, Lazio e Abruzzo si sono trovati a Roma per protestare contro la lentezza degli interventi e chiedere che venga eliminata l'inutile burocrazia

Redazione
I terremotati in piazza a Montecitorio: "Dove sono i soldi promessi dal governo?"

Foto ANSA

"Diremo ai presidenti di Camera e Senato e al presidente del Consiglio che il tempo è scaduto. Diremo loro che vogliamo tornare nelle nostre case. Vogliamo sapere dove sono finiti i soldi per i terremotati". Sono circa 500 i terremotati del Centro Italia che si sono riuniti giovedì mattina a Roma in Piazza Montecitorio per protestare contro la lentezza degli interventi del governo nelle zone colpite dal sisma da agosto in poi. Le vittime del sisma chiedono, ancora, al Parlamento risposte sulla gestione post terremoto: la manifestazione è stata accompagnata dallo slogan "La nostra terra trema, noi no". Costretti a scendere in piazza per far valere i propri diritti, vogliono porre l'attenzione sui gravi disagi che si stanno vivendo nelle zone terremotate, ai quali chiedono venga data una risposta più veloce possibile con una sburocratizzazione da parte dello Stato.

"Abbiamo organizzato questa manifestazione di tutti i terremotati, 80% umbro marchigiani, ma abbiamo anche delle rappresentanze del Lazio e dell'Abruzzo, per continuare con i fratelli amatriciani, che avevano organizzato il 25 gennaio scorso, il processo di pressione nei confronti dei politici, perché i tempi si devono ridurre. Siamo stanchi e distrutti, ma abbiamo voglia di lottare. Basta con le promesse e basta con le passerelle, bisogna agire. Fatti subito", ha dichiarato un organizzatore della provincia di Macerata. Inoltre, i manifestanti hanno esposto un cartello, una richiesta di aiuto indirizzata addirittura al presidente degli Stati Uniti Donald Trump che viene evidentemente ritenuto più affidabile rispetto ai rappresentanti della maggioranza che sostiene il governo Gentiloni, capaci solo di promesse che non vengono però mantenute.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Amnesty International schiuma di rabbia: l'attacco a Salvini
Non hanno digerito lo stop all'invasione clandestina

Amnesty International schiuma di rabbia: l'attacco a Salvini

Esclusivo / Salvini-Israele, amore reciproco
il reportage da gerusalemme del nostro max ferrari

Esclusivo / Salvini-Israele, amore reciproco

VIDEO SHOCK / Ladri in casa, sprangate al proprietario
e c'è ancora qualcuno che osa criticare il decreto sicurezza?

VIDEO SHOCK / Ladri in casa, sprangate al proprietario

Netanyahu loda Salvini: "Grande amico di Israele"
Lotta comune a terrorismo e immigrazione

ESCLUSIVO / Netanyahu loda Salvini: "Grande amico di Israele"

Attacco jihadista a Strasburgo, il video
"I militari non possono non essere sovranisti"
Il Generale Marco Bertolini striglia la politica

"I militari non possono non essere sovranisti"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU