genova: petardi contro un carabiniere

Va in tribunale al processo al complice: arrestato

In tre si erano avvicinati al militare, lo avevano aggredito e solo l'intervento di rinforzi aveva evitato conseguenze peggiori. Il giovane marocchino riconosciuto nell'aula del tribunale

Redazione
Va in tribunale al processo al complice: arrestato

In compagnia di altri tre giovani aveva rivolto un'aggressione verbale ad un maresciallo dei carabinieri, comandante della stazione di Genova Maddalena, che li aveva rimproverati per il lancio di petardi e botti pericolosi la sera di San Silvestro nel centro di Genova. Non solo. In tre si erano avvicinati al militare, gli avevano lanciato contro alcuni petardi e solo l'intervento di rinforzi aveva evitato conseguenze peggiori. Lunedì mattina è stato riconosciuto nell'aula di tribunale e arrestato lo studente di 18 anni, di origine marocchina, uno dei 4 autori dell'aggressione.

Il giovane si era recato a Palazzo di Giustizia a Genova proprio ad assistere al processo, per direttissima, del complice - un coetaneo - che la sera di Capodanno era stato fermato ed arrestato per le minacce al comandante dei carabinieri e per essersi opposto al controllo ed aver provato a fuggire, dopo l'episodio.

Il ragazzo è stato riconosciuto proprio in aula. Avvicinato dai carabinieri ha provato ancora una volta a divincolarsi e fuggire ma è stato bloccato dai militari. Trovato in possesso anche di un prodotto pirotecnico simile a quelli lanciati nei confronti del maresciallo, il 18enne è stato arrestato e trattenuto nelle camere di sicurezza della Caserma di Forte San Giuliano in attesa del rito per direttissima.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Immigrati, chi ci campa?
accoglienza e bastonate

Immigrati, chi ci campa?

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita
carpi, Vittima 19enne per bottino da 100 euro

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo
soccorsi e portati in un campo profughi a Khoms

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Immigrati, chi ci campa?
accoglienza e bastonate

Immigrati, chi ci campa?


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU