venduta agli indiani

Pininfarina addio

Anche la gloriosa "carrozzeria" torinese diventa straniera, per 150 milioni di euro. Un'altra fetta di storia e di impresa italiana che se ne va all'estero

Urbano Secondo
Pininfarina addio

Foto ANSA

Pressata da tensioni finananziarie, la casa torinese passa in mano indiana. Un altro pezzo di storia che va a fare compagnia a tanti altri marchi di prestigio nati italiani ma costretti all'esilio. E tutto accade sotto gli occhi di un governo distratto. Già, perchè Pininfarina diventa indiana. Il 76% della storica “carrozzeria” torinese, fondata nel '30, è stato acquisito da Pf Holdings Bv, società di diritto olandese di proprietà di Tech Mahindra e Mahindra&Mahindra, per 150 milioni di euro. La conferma arriva dall'attuale AD e presidente, Paolo Pininfarina, che ha dichiarato che "è un passaggio fondamentale, perché la società viene ad avere la solidità finanziaria e patrimoniale indispensabile per tornare ad investire, crescere ed essere innovativa sul mercato".

Ma si dice sempre così. Poi, a distanza di anni, i nostri gioelli si dileguano all'estero. E fine del cinema. Ed i soldi dei nonni se li godono i nipoti dei nipoti, che forse non ricordano più neanche l'origine delle loro fortune. Ci duole il cuore al solo pensiero che i marchi (italiani) più prestigiosi dell'automobilismo e del motociclismo mondiale abbiano già preso tutti il volo oltralpe o oltre oceano. Anche la cara Ferrari sa sempre più di Olanda in salsa yankee.

La parola chiave è "investimenti”. Quelli che  Pininfarina non faceva più da tempo. O sceglieva un socio privato straniero o, nel tempo, avrebbe dovuto fare i conti solo con "il socio sanguisuga" (lo Stato italiano) che, con la sua tassazione atroce, porta dritto dritto al fallimento. Tra qualche mese, invece, sembra si profili un aumento di capitale di 20 milioni di euro. Destino riposto nella "buona grazia" del nuovo padrone  straniero. Ci auguriamo di veder ancora per molto il titolo a Piazza Affari e soprattutto spiccare sempre ed ovunque l'italianità del prezioso marchio. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Silvio bye-bye: "Se vai con Renzi ti molliamo"
Grossi guai per gli inciucioni

Silvio bye-bye: "Se vai con Renzi ti molliamo"

Immigrazione, il libro verità: "Ecco quello che non vi dicono"
Intervista al co-autore Gianandrea Gaiani

Immigrazione, il libro verità: "Ecco quello che non vi dicono"

La Kyenge gonfia il petto e sbraita contro la Lega
Un bel tacer non fu mai scritto

Kyenge alla riscossa. Contro la Lega


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU