Caccia all'uomo

Inseguimento nel modenese, due nomadi in manette dopo una rissa coi poliziotti

Una ventina di agenti hanno setacciato boschi e campagne di Marzaglia per tre ore dopo che i ladri erano fuggiti in moto con caschi e passamontagna

Redazione
Inseguimento nel modenese, due nomadi in manette dopo una rissa coi poliziotti

Gli agenti mostrano una delle targhe contraffatte. Da gazzettadimodena.gelocal.it

Rocambolesca caccia all'uomo a Marzaglia di Modena: tutto è iniziato alle 14.30 di sabato dentro il Caravan Camping Club, in Via Pomposiana. Una pattuglia della Polizia di Stato stava svolgendo un controllo tra gli ospiti, sperando di trovare il destinatario di una misura cautelare pervenuta da Firenze per un furto e la fuga su un'auto con targa rubata; gli agenti hanno in effetti verificato la presenza di due camper di nomadi appena arrivati. Alla vista della polizia, tre uomini con caschi e passamontagna su due moto Honda Hornet 600 sono fuggiti per gli stretti percorsi interni del camping creando terrore, tallonati dalla volante che intanto chiedeva rinforzi. Gettate le moto e scavalcate le reti, i tre sono poi fuggiti lungo Via dell'Aeroporto, inseguiti da dieci agenti della polizia, dieci della municipale e due carabinieri del nucleo radio mobile finché alle 17.30 un agente della municipale ha ricevuto da un ciclista una segnalazione, indirizzando così le ricerche nella cava dove ha trovato i due fuggitivi nascosti tra le frasche. Uno dei due lo ha minacciato pesantemente ma l'arrivo di due poliziotti ha permesso di arrestarli, nonostante abbiano ingaggiato una rissa ferendo i due agenti della volante, poi medicati al pronto soccorso e dimessi con 8 giorni di prognosi ciascuno.

In manette per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ricettazione e uso di targa falsa sono finiti il destinatario della misura cautelare (un 45enne di La Spezia) e un 37enne di Monza. Il terzo nomade è tuttora ricercato, essendo riuscito a fuggire facendo perdere le proprie tracce. Tornati al Caravan Camping Club, gli agenti hanno verificato che le due moto risultavano intestate ai nomadi, anche se senza assicurazione, ma le targhe sembravano presentare alcune anomalie. Da un controllo più approfondito, si è così scoperto che sopra la targa regolare erano state applicate delle pellicole trasparenti con numeri finti: in questo modo i mezzi potevano transitare senza problemi ovunque, anche nelle zone presidiate da telecamere, rendendo inutili i controlli. Dentro uno zaino è stata trovata una di queste pellicole ancora integre, oltre a molti attrezzi utilizzati per lo scasso e il furto in casa: paranchini, piedi di porco, frese e flessibili oltre a cacciaviti, pinze ed altro ancora. Le due moto sono state sottoposte a un provvedimento di sequestro per confisca.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU