rottamatore rottamato

La minoranza dem: "Renzi distante dai ceti popolari"

Roberto Speranza chiede che il PD recuperi i voti delle periferie e di chi non percepisce alcuna ripresa. E dice: "Veniamo da una sconfitta molto dura"

Alfredo Lissoni
La minoranza dem: "Renzi distante dai ceti popolari"

Foto ANSA

La minoranza dem scarica Renzi (che peraltro, almeno a parole, non ha mai appoggiato, salvo poi rarantirgli comunque i numeri al Governo). E così, dopo il sorpasso del MoVimento 5 stelle ai danni del PD, così come registrato dal sondaggio Demos per Repubblica.it, anche Roberto Speranza comincia a togliersi qualche sassolino dalla scarpa, proprio lui che l'anno scorso si era dimesso dalla carica di Capogruppo alla Camera in dissenso con la decisione del Governo Renzi di porre la fiducia sulla nuova legge elettorale, l'Italicum. "Mi sembra in linea con quanto accaduto alle ultime amministrative", ha ribadito, chiedendo con forza, con la voce della minoranza dem, un cambio di rotta al premier.

"Per ripartire", dice Speranza, "bisogna puntare sulla questione sociale, recuperare i voti delle periferie e di chi non percepisce alcuna ripresa, riagganciare quei pezzi di elettorato - nel mondo della scuola e in quello del lavoro - con cui si è creata un frattura profonda". Quanto all'Italicum, il suo punto dolente, sottolinea: "Non sono io a dover dire nulla: su quella legge mi sono dimesso da capogruppo alla Camera, ho votato no in aula e non ho dato la fiducia al mio governo perchè ritenevo assurdo porla su una riforma elettorale". "Spero che alla direzione si possa fare una discussione all'altezza della fase che abbiamo di fronte a noi. Veniamo da una sconfitta molto dura, molto pesante, e i dati dell'indagine confermano le nostre preoccupazioni", ha aggiunto.


Fino ad oggi, lamenta, "abbiamo avuto un racconto, uno storytelling del PD e del palazzo che molto spesso è apparso distante dalla vita quotidiana di tante persone, in particolare dei ceti più popolari. Penso che il Partito democratico per riprendere forza e riacquisire il ruolo guida che ha oggi nel governo del Paese e in tante regioni e comuni italiani debba ripartire dalla questione sociale. Rimettersi in sintonia con quel pezzo di società che ancora vive dentro la crisi. Abbiamo raccontato di un Paese che ne sta uscendo e il fatto che finalmente sul pil o sull'occupazione ci sia qualche segno più è sicuramente merito del lavoro di questi mesi, ma è chiaro - e non dobbiamo dimenticarlo - che c'è una fetta molto larga e molto consistente del Paese che sta ancora tutta dentro la crisi. Nelle settimane e nei giorni che verranno il PD deve ripartire esattamente da lì. Deve dire quali risposte si danno a questo pezzo di Paese".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU