Allarme di Greenpeace

"Con il Ttip gli USA vogliono colpire le tutele UE su salute e ambiente"

L'organizzazione ambientalista è venuta in possesso di documenti riservati che rivelano enormi pressioni sulle trattative in corso per i negoziati sul trattato di libero scambio fra Stati Uniti e Unione europea

Alessio Colzani
"Con il Ttip gli USA vogliono colpire le tutele UE su salute e ambiente"

Foto ANSA

Il Ttip (Transatlantic Trade and Investment Agreement) fra l'Unione europea e gli Stati Uniti è concepito per essere un ambizioso trattato di libero scambio di merci, servizi e investimenti fra i due lati dell'Atlantico. Se andrà in porto, creerà la più grande area di libero scambio del pianeta. Si sommerebbero due economie che insieme, rappresentando oltre 800 milioni di persone, ammontano già oggi al oltre il 46% del Pil dell'intero pianeta. L'organizzazione ecologista Greenpeace afferma di essere venuta in possesso di documenti negoziali riservati che dimostrano come la parte statunitense faccia pressioni sull'Europa affinché abbassi o aggiri i suoi paletti regolamentari sui temi della salute e della tutela dell'ambiente; per questo i negoziati proseguirebbero a rilento da ormai tre anni.


"Questi documenti trapelati ci consentono uno sguardo senza precedenti sull'ampiezza delle richieste americane, che vogliono che l'Ue abbassi o aggiri le sue tutele dell'ambiente e della salute pubblica nell'ambito del Ttip" ha dichiarato Jorgo Riss, direttore di Greenpeace per l'Unione europea. Secondo l'esponente ecologista, citato dal Guardian, "la posizione europea è brutta, ma quella americana è terribile" e, secondo lui, "si sta spianando la strada a una gara al ribasso negli standard ambientali, della salute e della tutela dei consumatori".

Il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung ha anticipato alcune delle 240 pagine di documenti segreti che Greenpeace renderà pubblici. Da queste emerge come, nelle trattative per il Ttip, la pressione del governo americano sulle autorità europee sia molto più forte e minacciosa di quanto si pensasse. Al fine di spingere all'accordo su maggiori importazioni di prodotti agricoli e alimentari americani in Europa, "Washington minaccia di bloccare le facilitazioni sulle esportazioni per l'industria automobilistica europea", scrive la Sueddeutsche. "Allo stesso tempo gli americani attaccano i principi di fondo di precauzione della tutela del consumatore europeo - prosegue Sueddeutsche Zeitung - che oggi proteggono 500 milioni di consumatori dall'ingegneria genetica negli alimenti e dalla carne trattata con ormoni". Dai documenti, la cui autenticità è stata confermata da funzionari impegnati nelle trattative, emerge inoltre la rigida tattica adottata dagli statunitensi: "Mentre l'Ue rende pubbliche le sue proposte, gli Usa si ostinano a mantenere segrete le posizioni, garantendosi così uno spazio di manovra tattico", scrive la Sueddeutsche.

Il tweet col quale Greenpeace ha annunciato di essere in possesso dei documenti riservati

Il tweet col quale Greenpeace ha annunciato di essere in possesso dei documenti riservati

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU