Balle renziane

Gli italiani non credono alle promesse, ma risparmiano temendo nuove tasse

La crisi e il timore di inasprimento della pressione fiscale frenano i consumi, bloccano gli investimenti delle imprese e congelano la liquidità delle banche

Alessio Colzani
Gli italiani non credono alle promesse, ma risparmiano temendo nuove tasse

Foto ANSA

Secondo il Centro studi di Unimpresa, i risparmi delle famiglie italiane ora valgono 915 miliardi: "Il premier Matteo Renzi ha dichiarato che per la prima volta dall'inizio della crisi la classe media è tornata a risparmiare. L'aumento dei fondi, in realtà, è generalizzato ed è legato ai timori di nuovi inasprimenti della pressione fiscale: le riserve sono cresciute a tutti i livelli per un totale di quasi 20 miliardi nell'ultimo anno, segno che c'è una certa preferenza ad avere liquidità a disposizione, senza vincolarla in alcun modo". Le riserve di assicurazioni e fondi pensione hanno registrato un lieve aumento, salendo di 1 miliardo in 12 mesi, mentre quelle delle imprese familiari sono salite di quasi 4 miliardi".

A quanto risulta dallo studio dell'associazione, basato su dati della Banca d'Italia, il totale delle riserve di famiglie, banche e imprese è passato dai 1.555,7 miliardi di febbraio 2015 ai 1.595,5 mld di febbraio 2016 con un incremento di 39,2 miliardi (+2,52%). L'aumento non è però determinato, come vorrebbe far credere Renzi, da una fantomatica diminuzione della pressione fiscale oppure da una inesistente ripresa dell'economia, bensì da un timore dei cittadini, che stanno mettendo da parte tutto ciò che possono prevedendo che a breve calerà sulla loro testa la scure di una nuova stangata, oppure che la stretta della recessione si farà ancora più forte; in pratica, si stringe la cinghia e si raschia il fondo del barile per creare un minimo di riserva, sperando sia sufficiente per tenerci a galla nella probabilità molto concreta che prima o poi la nave finisca di affondare.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Senato russo: "Ora è possibile l'Italexit"
Pushkov sul voto referendaRIO

Senatore russo: "Ora è possibile l'Italexit"

Vittoria del No: non crollano le borse
le bugie PD hanno le gambe corte

Vince il NO ma... non crollano le borse


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU