La denuncia di un musulmano di lille

Docente francese: "Nel Corano c'è la guerra ai miscredenti. Gli estremisti vogliono conquistare l'Europa"

Nonostante le minacce ricevute da colleghi e il licenziamento dal liceo islamico Averroè di Lille, ha avuto il coraggio di lanciare una dura accusa nei confronti dei Fratelli Musulmani e del buonismo imperante in Europa

Ismaele Rognoni
"Nel Corano si parla della guerra contro i miscredenti: gli estremisti islamici vogliono conquistare l'Europa"

Foto lastampa.it

Soufiane Zitouni era una docente islamico che lavorava all'interno dell'istituto musulmano Averroè di Lille, in Francia. Il liceo si trova nella parte a sud della città francese, in un quartiere islamicizzato ove al suo interno vi è anche presente la Grande Moschea guidata da Amar Lasfar: quest'ultimo è il fondatore dell'istituto scolastico ed è il presidente dell'Uoif (Unione delle organizzazione islamiche di Francia) molto vicina ai Fratelli Musulmani.

Dopo aver visto l'odio antisemita che provavano alcuni studenti e dopo aver ricevuto delle minacce da dei colleghi per aver pubblicamente condannato l'islam riguardo all'attentato alla redazione giornalistica di Charlie Hebdo, egli ha deciso di licenziarsi dal liceo islamico.
Riguardo all'atto terroristico al giornale satirico ha dichiarato: "Uccidere delle persone solo perchè hanno osato disegnare il Profeta è assurdo dato che chiunque può disegnarlo. Infatti le culture persiane e turche in antichità lo disegnavano nelle miniature. Se i musulmani adorano più Maometto di Allah sono degli idolatri dato che l'islam non chiede a nessuno di adorare Maometto".

Soufiane lancia anche una dura accusa contro gli estremisti fanatici dei Fratelli Musulmani: "Un mio amico, Mohamed Louizi, che è uscito da loro ha documentato il progetto Tamkine che ha come primo scopo la conquista dell'islam di Francia e dell'Europa. Si tratta di un progetto politico e purtroppo con l'aumentare dei francesi musulmani, il voto islamico è diventato importante e spinge i partiti a costruire moschee e licei islamici in cambio dei loro voti".

Riguardo al terrorismo islamico e alla violenza dei precetti contenuti all'interno del Corano, il professore analizza attentamente la situazione: "In Francia abbiamo molto giovani che hanno problemi di emarginazione e i più deboli sono sensibili all'odio diffuso dai membri dell'Isis, finendo alla fine per seguirli. Inoltre certi versetti del Corano incitano alla violenza, si parla della guerra contro i miscredenti e del picchiare le donne. Le autorità islamiche devono insegnare che questi versetti non hanno più ragione d'esistere oggigiorno". 




LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU