GOVERNO INCAPACE

I commercialisti bocciano Renzi sul decreto fiscale

Longobardi, presidente dei professionisti italiani : "Un occasione persa, via semplificazioni e salgono obblighi "

Alex Bazzaro
Foto ANSA

Agenzia delle Entrate

Il Consiglio nazionale dei Commercialisti esprime il suo profondo rammarico e quello dei tantissimi Commercialisti italiani che "proprio in queste ore ci stanno manifestando il loro motivato malcontento". Si conclude così la lettera inviata da Gerardo Longobardi al ministro dell'Economia, Piercarlo Padoan, e per conoscenza al viceministro Luigi Casero e al direttore dell'Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, in cui il presidente del Consiglio nazionale della categoria professionale commenta negativamente l'assenza dal decreto fiscale pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale del "pacchetto semplificazioni" più volte annunciato dall'esecutivo.


Decreto che invece, sottolinea Longobardi, "introduce nuovi adempimenti fiscali". Longobardi ricorda nella missiva come il Governo sin dal suo insediamento si sia molto impegnato sul fronte delle semplificazioni fiscali "attivando un Tavolo tecnico a cui hanno partecipato il Mef, l'Agenzia delle Entrate e i rappresentanti delle principali organizzazioni imprenditoriali, oltre che del Consiglio nazionale dei Commercialisti". "In due anni di proficuo lavoro, scrive Longobardi, si è riuscito ad individuare un pacchetto di semplificazioni fiscali "a costo zero" che anche il Ministero e l'Agenzia delle Entrate hanno condiviso". Pacchetto di semplificazioni, ricorda il presidente dei Commercialisti, che, dopo essere già "inspiegabilmente svanito nel nulla" in sede di attuazione della delega fiscale, non è ora presente neppure nel decreto-legge pubblicato ieri. "Di contro, sottolinea Longobardi, l'articolo 4 del decreto, anziché semplificare, introduce nuovi adempimenti fiscali". 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU