Pretendono la paghetta

Altra protesta in Sardegna da parte degli immigrati: vogliono i soldi, strada bloccata

Per l'ennesima volta i richiedenti asilo alloggiati in un ex albergo di Rosas sono scesi in strada e hanno impedito la circolazione sulla provinciale a Terrubia

Redazione
Altra protesta in Sardegna da parte degli immigrati: vogliono i soldi, strada bloccata

Il blocco stradale. Foto ANSA

Ennesima protesta da parte degli immigrati in Sardegna. Mercoledì mattina a Narcao, nel Sulcis, un gruppo di richiedenti asilo, non si conosce il numero preciso, ospiti della struttura di accoglienza di Rosas sono scesi in strada e hanno bloccato la viabilità, sulla provinciale, non troppo distante dal luogo in cui stanno soggiornando, in località Terrubia alla periferia del paese. All'origine della protesta ci potrebbe ancora essere il rilascio del pocket money.

Già il 20 ottobre, gli stessi immigrati avevano manifestato per la stessa ragione, bloccando la strada per protestare contro la mancata ricezione della paghetta. Anche questa volta gli africani hanno bloccato la strada che porta in Paese dalla frazione dove si trova l'ex albergo, a Terrubia. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Carbonia. Un'altra protesta risale al 14 ottobre dell'anno scorso: una quarantina di immigrati, decisi a lasciare la Sardegna, avevano abbandonato l'ex albergo, lamentando alimentazione insufficiente e disagi, in parte legati all'isolamento della struttura.

L'8 gennaio un altro gruppo di immigrati era partito all'alba dall'ex albergo, costruito negli anni Novanta nella frazione di Terrubia e rimasto a lungo chiuso, e dopo una marcia di alcune ore aveva raggiunto l'ufficio immigrazione a Cagliari. Gli extracomunitari avevano manifestato il loro disagio e chiesto di essere assegnati ad altre strutture più vicine, possibilmente del capoluogo. Ad aprile nel centro era scattato un blitz antidroga dei carabinieri, dopo che era stata attività di spaccio di stupefacenti. Dei sei ospiti perquisiti, uno - un senegalese di 19 anni poi denunciato - era stato trovato in possesso di tre dosi di hashish.

Il 25 giugno scorso, inoltre una quarantina di clandestini aveva ancora una volta aveva lasciato l'ex albergo per contestare i ritardi nel rilascio dei permessi di soggiorno. La strada davanti alla struttura di accoglienza era rimasta bloccata per circa quattro ore, dalle 6 alle 10 del mattino.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU