Black humor

La "battuta" infame di Charlie Hebdo sui terremotati italiani

Nella vignetta in prima pagina appaiono tre vittime del terremoto; vengono paragonate all'italica pasta. Al contrario degli islamici noi ci indigniamo, ma non li trucidiamo

Andrea Zanelli
La "battuta" infame di Charlie Hebdo sui terremotati italiani

Foto ANSA

Charlie Hebdo mostra per l'ennesima volta la sua capacità di farsi criticare per un black humor infame. Nella vignetta in prima pagina appaiono tre vittime del terremoto, vengono paragonate all'italica pasta. "Sisma all'italiana" è il titolo che appare sull'ultima pagina del numero uscito il 31 agosto, quando tutta Italia stava ancora piangendo i morti. Il festival del cliché che non fa nemmeno ridere.


Nell'immagine sono raffigurati tre persone, italiani medi col nasone, il primo riporta qualche graffio, viene paragonato alle penne al sugo. La seconda persone è una donna, ha diversi traumi in volto e sul collo, per il giornaletto è una penna gratinata. A lasciare attoniti è l'immagine degli uomini sepolti dalle macerie della propria casa, delle lasagne. L'abbondanza di sangue? È il sugo.


È solo una delle tante vignette che appaiono nell'ultima pagina del periodico, tradizionalmente intitolata "Le altre possibili copertine". Nella stessa pagina anche una freddura che recita: "Non si sa se il terremoto abbia urlato Allahu Akbar prima di colpire". Il disegno, firmato dal vignettista Felix. Infame.  Quel che è certo è che questa volta di satirico non c'è nulla, nessun attacco a politici, istituzioni, religioni. Questa volta han toppato alla grande, hanno preso in giro cinicamente quei bambini che avrebbero voluto continuare a vivere.

Oggi #jesuischarlie non vale proprio per nulla, come per tutte le altre volte del resto. L'indignazione è tanta, la provocazione è riuscita, la vignetta non è piaciuta proprio a nessuno e sui social network si è scatenato l'inferno contro il mensile satirico francese. Ma la nostra cultura di certo non ci porta ad entrare nella sede del giornale ed aprire il fuoco contro questi "giornalisti", fortunatamente.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

aaa
arrivano a milioni, ma guai se protesti

Razzisti per caso

La stilista islamica Cinzia Rodolfi è stata duramente attaccata dali radicali salafiti
Le idee dell'italiana convertita

Stilista islamica attaccata dai radicali salafiti


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU