isterismi radical-chic ferragostani

Profughi, Capalbio dice no. Ed è baruffa tra PD e Sinistra Italiana

Nicchi (SI): "Il Partito Democratico ormai non ha più niente di democratico"; Martelli: "Han scoperto l'acqua calda"; il sindaco di Lampedusa: "Ci fan la lezioncina dal lettino della spiaggia VIP?"

Alfredo Lissoni
Profughi, Capalbio dice no. Ed è baruffa tra PD e Sinistra Italiana

Foto ANSA

Comodo fare gli accoglienti sulle spalle degli altri. Ma quanto tocca ai radical-chic, di sorbirsi il fastidio dei clandestini lasciati in mezzo alla strada nelle città, o meglio ancora nelle spiagge dei VIP, il discorso cambia. Spuntano barricate e muri sotto forma di proteste al sindaco. E due ricorsi al Tar, presentati da "comitati spontanei di cittadini", per dire no agli arrivi. E così, rossi contro rossi, finiscono per cantarsela come si deve. E le sceneggiate sull'accoglienza vanno a farsi friggere. "Cinquanta profughi a Capalbio equivalgono a un profugo ogni 100 abitanti. Il Comune non può fare le barricate per un numero così esiguo di richiedenti asilo, persone che scappano da fame, guerra e miseria", tuonano quelli di Sinistra Italiana (che ovviamente non se li portano a casa loro, ma pretendono che se li sorbiscano i cttadini grossetani).


"Il sindaco deve assumersi le proprie responsabilità, come hanno fatto decine e decine di Comuni toscani di fronte a questa emergenza. Il Partito Democratico ormai non ha più niente né di democratico né di sinistra e adesso chiude le porte perfino a 50 richiedenti asilo. Noi di Sinistra Italiana, per agevolare l'accoglienza, ci rendiamo disponibili a tenere volontariamente per i profughi lezioni di italiano, laboratori culturali, assistenza medica". A dirlo, sabato, sono stati gli esponenti di Sinistra Italiana, la parlamentare Marisa Nicchi, e il coordinatore grossetano Marco Sabatini in una nota congiunta. Secondo Nicchi e Sabatini, "invece di farsi cogliere da ansie e isterismi, l'amministrazione di Capalbio ha il dovere dell'accoglienza e quello di tradurre l'arrivo dei profughi in una risorsa piuttosto che in una minaccia. Le opportunità ci sono, ma il sindaco PD sembra proprio non vederle".


Come si cambia facilmente bandiera, quando è in gioco la (propria) convenienza, vero? "La storia di Capalbio è fatta di migrazioni e quella storia non può essere cancellata. Le esternazioni del sindaco hanno fatto emergere tutte le contraddizioni di un Partito, quello Democratico, il cui percorso sembra giunto all'ultima spiaggia", han pontificato i due politici di SI. "A Capalbio tanti intellettuali
sono caduti nella trappola", ha dichiarato al Corriere l’ex ministro Claudi Martelli, noto frequentatore della spiaggia. "Quelli di Sinistra hanno scoperto l’acqua calda dell’immigrazione in estate; una reazione del tutto simile a quella che avremmo alla periferia di Roma o Milano".


Nella diatriba è intervenuto anche il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, contro quello di Capalbio: "Dal lettino della sua spiaggia VIP fa la lezioncina? Mi fa arrabbiare. È un comportamento offensivo per italiani come noi che accolgono i migranti”. Al Primo Cittadino lampedusano ricordiamo un antico detto siciliano: la spina che non ti punge è più morbida del cotone...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Schiforma Renzi: Sabina Guzzanti imita la Boschi e...
come dire la verità ridendo e scherzando

Schiforma Renzi: Sabina Guzzanti imita la Boschi e...


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU