L'accoglienza costa più della manovra

Gli immigrati? Ci costano 4,6 miliardi. Gli italiani pagano per essere invasi

Il Governo nel Def prevede un ulteriore aumento delle spese per assistenza, vitto e alloggio dei presunti profughi. Mentre Padoan annuncia il possibile incremento dell'Iva. La ricetta del PD per l'Italia? Più tasse e più stranieri

Redazione
Gli immigrati? Ci costano 4,6 miliardi. Gli italiani pagano per essere invasi

Foto ANSA

L’invasione senza fine costa sempre di più. E a pagare sono i contribuenti italiani. La previsione per il 2017 contenuta nel Def è di 4,6 miliardi di euro “se l'afflusso di persone dovesse continuare a crescere”, ovvero quel che si sta verificando quotidianamente sulle nostre coste, dove è in costante aumento il numero di immigrati sbarcati o per meglio dire “traghettati” dalle navi delle Ong e della Guardia costiera. Solo per Pasquetta 1.267 a Messina, 1.181 a Catania, 650 a Reggio Calabria, 451 a Porto Empedocle.

Tornando al Def, è lo stesso Governo ad ammettere come la situazione, anche dal punto di vista finanziario, sia fuori controllo: “Il deciso incremento dei flussi e delle presenze a fine 2016 si riflette nei dati oggi disponibili, che aggiornano al rialzo le stime presentate nel Documento Programmatico di Bilancio”. Siamo alle solite, insomma. Avanti, c’è posto per tutti. Tanto pagano gli italiani, compresi i precari, i poveri, i disoccupati, gli operai, gli artigiani o i commercianti che faticano ad arrivare alla fine del mese. Quella montagna di quattrini, frutto delle tasse che hanno versato, dovrebbe essere reinvestita per migliorare i servizi o abbassare le imposte. E invece finisce per arricchire le coop affaccendate nel business dell’accoglienza.

“In base ai dati attuali, le operazioni di soccorso, assistenza sanitaria, alloggio e istruzione per i minori non accompagnati sono, al netto dei contributi dell'Ue, pari a 3,6 miliardi (0,22 per cento del PIL) nel 2016 e previste pari a 4,2 miliardi (0,25 per cento del PIL) nel 2017, in uno scenario stazionario”, da ritoccare verso l’alto fino a 4,6 miliardi se l’invasione senza freni non sarà arginata. Il paradosso è che il Governo del Pd preleverà dalle nostre tasche gli ormai famosi 3,4 miliardi chiesti dall’Unione europea. Aumentando le tasse.

A conti fatti la spesa per gli immigrati a cui paghiamo vitto e alloggio supera di 1,2 miliardi l’importo della manovra aggiuntiva. Aumentano le spese per i presunti profughi. E nel contempo aumentano le imposte. Questa è l’Italia del Pd. Dove le promesse vengono puntualmente disattese, i cittadini costantemente imbrogliati. Prima i governanti piddini, Matteo Renzi in testa, assicurano anzi giurano e spergiurano che non ci sarà alcun aumento dell’Iva. Tassa già alzata da Maria Monti, sostenuto dal Pd, e particolarmente devastante perché va a colpire indistintamente ogni classe sociale. Ebbene, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, in un’intervista al Messaggero, dichiara che la stangata sull’Iva è possibile, e che anzi “è un'opzione sostenuta da buone ragioni”, caldeggiata pure dall’Osce, l’organismo sovranazionale di cui lo stesso Padoan è stato dirigente. Tasse e immigrati, la ricetta del Pd non cambia di una virgola. E a pagare sono sempre gli stessi, di certo non lorsignori.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...
andarono per suonare e furono suonati

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...

Blocco navale nel Mediterraneo? Lo propone il Belgio!
Il Pd è riuscito a costringere gli Stati europei a sospendere Schengen o chiudere le frontiere

Blocco navale nel Mediterraneo? Lo propone il Belgio!

Albanese violenta una minorenne in strada
La giovane ha soli diciassette anni

Albanese violenta una minorenne in strada

Blocco navale nel Mediterraneo? Lo propone il Belgio!
Il Pd è riuscito a costringere gli Stati europei a sospendere Schengen o chiudere le frontiere

Blocco navale nel Mediterraneo? Lo propone il Belgio!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU