"e domenica, tutti al voto"

Romeo: "Ius soli? No grazie. L'integrazione non passa da un pezzo di carta"

"Non è condizione necessaria perché i minori godano dei diritti civili e sociali; nel nostro ordinamento li hanno già, a prescindere dalla cittadinanza"

Alfredo Lissoni
Massimiliano Romeo

Nella foto, il leghista Massimiliano Romeo

Anche Massimiliano Romeo, monzese, Capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale lombardo, dice un secco no allo ius soli. E per tutta una serie di motivi, ben precisi. Lo abbiamo intervistato.

Romeo, perché no allo ius soli?

Perché l'adozione dello ius soli in Italia costituisce un elemento di attrazione per ulteriori flussi migratori legali ed illegali. Praticamente verrebbe incoraggiato l'esodo dei clandestini. Negli altri Paesi europei, anche quelli con lunga esperienza di immigrazione, non vige lo ius soli e quelli in cui vigeva in passato è stata cambiata la disciplina in materia proprio a fronte della crescita dei flussi migratori.


Ma il ritornello della Sinistra è: "Che male può fare, per i bambini nati in Italia, se hanno subito la cittadinanza?"

Il problema è un altro e quella della Sinistra è una polemica pretestuosa. La concessione della cittadinanza alla nascita non è condizione necessaria per far sì che i minori godano dei diritti civili e sociali; infatti nel nostro ordinamento i bambini godono pienamente di tali diritti a prescindere dalla cittadinanza.

È dunque un pretesto?

Sì; anzi, in alcuni casi questa possibilità può rappresentare un ostacolo per chi voglia mantenere la cittadinanza del Paese d'origine.


E quindi?

Quindi, la vera integrazione non passa dall'ottenimento di un pezzo di carta, ma dal rispetto delle nostre leggi, della nostra cultura e delle nostre tradizioni.


Ma allora perché la Sinistra continua a battere su questo tasto?

Il fine ultimo di queste proposte è arrivare al diritto di voto a tutti gli immigrati presenti sul territorio italiano. La Sinistra li considera un proprio potenziale serbatoio di voti e per questo continua a strumentalizzare lo ius soli...

Una battuta su Monza, dove domenica si va al ballottaggio

Innanzitutto, è importante andare a votare, nei molti comuni lombardi e in tutta Italia. Dobbiamo mandare un segnale preciso al Governo di Roma, che in questi giorni sta facendo ciò che vuole. Nello specifico, anche a Monza c'è da scegliere il futuro sindaco. L'invito è a tutti i monzesi di recarsi alle urne, di andare a votare e di sostenere Dario Allevi, per una città più pulita, più ordinata e più sicura. Mi rivolgo a loro e dico: non lasciate che siano gli altri a decidere per voi.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Barcellona, l'amica di Driss: "Mi chiese di convertirmi all'Islam"
Parla l'italiana che ebbe con lui una relazione

Barcellona, l'amica di Driss: "Mi chiese di convertirmi all'Islam"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU