Knock-out game a Pescara

Preso a pugni per gioco da un giovane dell’Est con accento straniero

Il 38enne gravemente ferito nel vile assalto sulla Strada Parco ha visto in volto il suo assalitore e sarebbe in grado di riconoscerlo

Fabrizio Berini
La zona dell'aggressione

Foto Il Centro

Una assurda notte di follia e violenza gratuita quella vissuta da un pescarese di 38 anni che è stato brutalmente aggredito, senza alcun motivo, con un violento pugno al volto da un ragazzo di probabili origini straniere che, insieme ad altri tre individui, era fermo all'angolo della Strada Parco di Pescara mentre la vittima la stava percorrendo a piedi.

La vittima insieme a un suo amico stava raggiungendo a piedi un noto locale della riviera pescarese per concludere la serata quando, passando vicino a un gruppo di 4 ragazzi fermi all'angolo della strada, si sente chiedere "Che cazzo ti ridi?" da uno di loro e senza avere il tempo di capire cosa stia succedendo viene colpito con un violento pugno che lo lascia a terra svenuto, con la mandibola fracassata, il naso rotto e una ferita alla testa. L’amico che era con lui, e che sarebbe stato il secondo bersaglio della “banda”, riesce a reagire nonostante la paura scappando di corsa lungo la strada e chiamando le forze dell’ordine con il telefono cellulare. Dopo poche decine di metri si accorge di non essere inseguito e non vedendo più gli aggressori torna di corsa dall'amico che giace al suolo con gravi ferite sul volto.

Ricoverato subito in ospedale non è fortunatamente in pericolo di vita ma le sue condizioni, apparse inizialmente serie ma non gravi, non sono molto buone: gli dovrà essere ricostruito interamente il viso e il pugno ricevuto gli ha provocato anche un grave danno all'orbita oculare che potrà essere valutato solo nei prossimi giorni.

Una prognosi assai delicata che richiederà un intervento complesso che verrà effettuato quasi certamente giovedì. Il viso dell'uomo è tumefatto, i sedativi gli danno tregua per qualche ora, ma i dolori sono lancinanti e spesso più forti delle medicine.
L’obiettivo di quel gioco maledetto, il famigerato knock-out game, che punta a colpire il primo che capita senza alcun motivo era proprio il 38enne che ha avuto la grande sfortuna di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato ma, seppur sia sotto l’effetto di sedativi, dalle dichiarazioni rilasciate dalla sorella emerge una importante certezza: ricorda benissimo il volto del vile aggressore.

"A un angolo di strada si sono appostati quattro ragazzi", racconta la sorella, "in tre hanno bloccato l'amico di mio fratello, che di loro riuscirebbe a riconoscere almeno due visi. L'altro invece ha aggredito mio fratello, che prima di perdere i sensi ha visto bene il suo aggressore in faccia, e appena si riprenderà fornirà la sua descrizione agli investigatori". I carabinieri attenderanno ancora qualche giorno prima di ascoltarlo attentamente sulla dinamica dei fatti per permettergli di riprendersi dal grande dolore. Nel frattempo sembra che non arriverà alcun aiuto dalle telecamere in quanto la zona dell’agguato non è coperta da nessun impianto di ripresa. L’unica speranza ancora accesa riguarda il vicino complesso sportivo de "Le Naiadi" le cui immagini non sono ancora state analizzate.

Gli elementi in possesso degli inquirenti non sono molti per ricostruire quello che è successo e molto importanti saranno le testimonianze di chi quella notte era presente oltre alla capacità di fornire un identikit degli assalitori. E poi ci sono quelli che al momento sono i due elementi chiave della vicenda: i lineamenti dell'est Europa e l’accento straniero che potrebbero restringere il campo di ricerca delle forze dell’ordine.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Milano, mignotte "China" addio
giro di vite sui bordelli cinesi

Milano, mignotte "China" addio


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU