SMASCHERATO IL SULTANO

Wikileaks colpisce Erdogan: diffuse 300.000 mail riservate del partito del Premier

Ma la fonte dei materiali non sarebbe collegata al tentato golpe. Per ritorsione, la Turchia ha criptato il sito hacker

Francesco Vozza
Wikileaks colpisce Erdogan: diffuse quasi 300mila mail Akp

Il sito di inchiesta Wikileaks ha pubblicato quasi 300.000 e-mail del partito di governo turco, l'Akp fondato nel 2002 da Erdogan e di cui è sempre stato indiscusso leader, inviate prima del colpo di stato fallito nel Paese. Poco dopo la diffusione del materiale, scrive Wikileaks sul suo account Twitter, l'accesso al sito è stato bloccato a livello nazionale per tutti gli utenti turchi. "La prima parte copre 762 caselle mail, dalla A alla I, che contengono 294.548 email" e in cui sono contenuti "migliaia di allegati". "La più recente è stata inviata il 6 luglio", spiega Wikileaks, "la più vecchia risale al 2010". "Il materiale è stato ottenuto una settimana prima del tentato golpe" e il sito ha "anticipato la pubblicazione come risposta alle purghe del governo". La fonte, "che non è in alcun modo collegata al tentato colpo di stato o a rivali politici del partito di governo", assicura che i materiali "sono stati verificati".


La ritorsione non si è fatta attendere. Secondo quanto riferisce il quotidiano turco Hurriyet "il Consiglio di Comunicazioni e Telecomunicazioni ha confermato di aver adottato una misura amministrativa", termine comunemente usato quando si blocca l'accesso a siti web.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Arriva la banda del bonus vacanza: tutte risorse africane
alassio: immigrati picchiano e derubano

Arriva la banda del bonus vacanza: tutte risorse africane

Conte dichiara lo stato d'emergenza...per il Libano
cercando di salvare la faccia all'estero

Conte dichiara lo stato d'emergenza...per il Libano

Migranti, Provenzano: "Cambiare radicalmente i decreti Salvini"
"Lamorgese ha dimostrato di saper gestire i flussi"

Migranti, Provenzano: "Cambiare radicalmente i decreti Salvini"

Torna il covid e becca i giovani
sbaglia chi pensava fosse finita

Torna il covid e becca i giovani

Conte dichiara lo stato d'emergenza...per il Libano
cercando di salvare la faccia all'estero

Conte dichiara lo stato d'emergenza...per il Libano


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU