Sentenza d'appello a Palermo

Caso Provenzano, assoluzione confermata per il generale Mori

"Il fatto non costituisce reato", cade la tesi della Procura sul mancato blitz dell'ottobre 1995 per la cattura del superlatitante di Cosa nostra

Marco Dozio
Caso Provenzano, assoluzione confermata per il generale Mori

Foto ANSA

La Corte d’appello di Palermo ha confermato la sentenza di assoluzione emessa in primo grado nei confronti dell’ex generale dei Carabinieri Mario Mori e del colonnello Mauro Obinu, imputati di favoreggiamento al boss mafioso Bernardo Provenzano. I due erano stati accusati dalla Procura di Palermo di aver fatto fallire un’operazione a Mezzojuso, il 31 ottobre 1995, durante la quale secondo il colonnello Michele Riccio si sarebbe potuto catturare il superlatitante di Cosa nostra.

Dunque “il fatto non costituisce reato”. Su Mori pendeva una richiesta di condanna a 4 anni e 6 mesi, per Obinu 3 anni e 6 mesi secondo quanto richiesto dal procuratore generale Roberto Scarpinato. Richieste più lievi rispetto a quelle formulate in primo grado dai pm Nino Di Matteo e Antonio Ingroia, perché durante il processo di secondo grado il procuratore generale aveva cancellato l’aggravante del favoreggiamento mafioso e pure la circostanza che Mori e Obinu avessero deciso di non arrestare Provenzano in seguito alla presunta trattativa Stato-mafia di inizio anni Novanta.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo
non la lasciano in pace neanche da morta

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo

Cocaina a Milano, 210 anni a trafficanti
stroncato il traffico dei figli del boss Loiero

Cocaina a Milano, 210 anni a trafficanti


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU