Sentenza d'appello a Palermo

Caso Provenzano, assoluzione confermata per il generale Mori

"Il fatto non costituisce reato", cade la tesi della Procura sul mancato blitz dell'ottobre 1995 per la cattura del superlatitante di Cosa nostra

Marco Dozio
Caso Provenzano, assoluzione confermata per il generale Mori

Foto ANSA

La Corte d’appello di Palermo ha confermato la sentenza di assoluzione emessa in primo grado nei confronti dell’ex generale dei Carabinieri Mario Mori e del colonnello Mauro Obinu, imputati di favoreggiamento al boss mafioso Bernardo Provenzano. I due erano stati accusati dalla Procura di Palermo di aver fatto fallire un’operazione a Mezzojuso, il 31 ottobre 1995, durante la quale secondo il colonnello Michele Riccio si sarebbe potuto catturare il superlatitante di Cosa nostra.

Dunque “il fatto non costituisce reato”. Su Mori pendeva una richiesta di condanna a 4 anni e 6 mesi, per Obinu 3 anni e 6 mesi secondo quanto richiesto dal procuratore generale Roberto Scarpinato. Richieste più lievi rispetto a quelle formulate in primo grado dai pm Nino Di Matteo e Antonio Ingroia, perché durante il processo di secondo grado il procuratore generale aveva cancellato l’aggravante del favoreggiamento mafioso e pure la circostanza che Mori e Obinu avessero deciso di non arrestare Provenzano in seguito alla presunta trattativa Stato-mafia di inizio anni Novanta.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Corsico, aggressione al gazebo della Lega
zecche rosse in azione. max bastoni: "non ci fermeranno"

Corsico, aggressione al gazebo della Lega

Eliminare Salvini. Libero pubblica le chat dei magistrati
il carroccio cambia?

La svolta europeista di Salvini

I seguaci del demonio? Sono fra noi
nuovo ordine mondiale - 4

I seguaci del demonio? Sono fra noi

Quanto si muore di Aids in Italia
Hiv e Aids, gli ultimi dati dell'Istituto superiore di sanità

Quanto si muore di Aids in Italia

Badante infedele, indagata anche per distruzione cadavere
Già accusata circonvenzione incapace e sottrazione 700mila euro

Badante infedele, indagata anche per distruzione cadavere


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU