difesi solo da marine le pen

"Poliziotti fascisti". Così la Sinistra francese umilia le Forze dell'Ordine

Libération insinua che la rivolta degli agenti sia un'imboscata del Fronte Nazionale, mentre sui forum "rossi" si caldeggia la necessità di arruolare urgentemente altre migliaia di “nuovi francesi”

Max Ferrari
"Poliziotti fascisti". Così la Sinistra francese umilia le Forze dell'Ordine

Poliziotti fascisti! Questa è la risposta del governo francese alle sacrosante proteste degli agenti che non si sono lasciati comprare per quattro noccioline. Sì perchè, dopo le minacce di provvedimenti disciplinari che non hanno spaventato i “ribelli”, la sinistra ha cercato di comprarseli offrendo un salario più alto e più vacanze. Un insulto per questi patrioti che chiedono ordine e giustizia e che ha ottenuto l'effetto contrario: le manifestazioni si stanno estendendo in tutta la Francia e raccolgono l'entusiasmo di tutta la popolazione onesta e non coinvolta nel business dell'immigrazione.


“Non ce ne frega niente della promessa di avere nuove tute ignifughe", dicevano ieri notte gli uomini delle squadre speciali a Tolone; "noi dobbiamo mettere in galera quelli che lanciano le bottiglie incendiarie, non avere tute per resistere al fuoco”. “Non vogliamo soldi", dicono gli agenti a Marsiglia; "ma la possibilità di ristabilire l'ordine. La gerarchia politica ci disprezza e autorizza la feccia a sputarci addosso. Questo è il problema, non i soldi”. “Non mi interessano più vacanze", dice un poliziotto incappuciato a Parigi; "voglio che chi arresto rimanga in galera e non in strada il giorno dopo a minacciarmi”. Di fronte a queste risposte la sinistra al comando è stata durissima.

Dapprima il segretario generale del Partito Socialista ha accusato i poliziotti di essere dei fuorilegge che creano disordine e poi è partito il siluro lanciato dal sinistro giornale Libération che in prima pagina a caratteri cubitali ha affermato che la rivolta dei poliziotti è una imboscata preparata dal Fronte Nazionale che si è infiltrato tra gli agenti. Sui forum di sinistra si parla liberamente di polizia fascista, razzista ecc... e si caldeggia la necessità di arruolare urgentemente altre migliaia di “nuovi francesi” tra le forze dell'ordine. Un vecchio progetto della sinistra francese che adesso torna di grande attualità per depotenziare e disarmare il più possibile l'ultima resistenza dei “galois”, i cattivi discendenti dei “razzisti” Galli.


Che quella della polizia sia l'ultima barricata di una Francia morente lo ha ben capito lo scrittore Laurent Obertone, autore di diversi best seller tra cui l'ultimo uscito Guerrilla, che parla della ormai prossima guerra civile e che ieri ha scritto una lettera aperta ai poliziotti per ringraziarli del loro atto di generosità verso una Patria ormai sconvolta e naturalmente lo ha capito Marine Le Pen che ha diffuso un bellissimo videomesaggio alle forze dell'ordine e a tutti coloro che svolgono un lavoro pubblico. Non è infatti un caso che nel mirino del terrore siano finiti oltre ai poliziotti anche gli insegnanti e i medici. Essi rappresentano lo Stato e colpire loro o rifiutare di eseguire le loro istruzioni o seguire i loro consigli è una precisa tecnica di disconoscimento della autorità statale.


Le Pen ricorda che i terroristi e i lanciatori di molotov non sono “ragazzotti” come dice la sinistra e chiede alle forze dell'ordine ma anche alle forze armate di tenere duro perchè in ballo non c'è la tenuta di un governo ma la sopravvivenza della Francia.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Qualcuno salvi Spelacchio!
50mila euro dei contribuenti buttati al vento

Qualcuno salvi Spelacchio!

L'immigrazione divide l'Unione europea: duro scontro fra la Merkel e Donald Tusk
Orbán: 30 milioni di euro per proteggere le frontiere Ue

L'immigrazione divide l'Unione europea: duro scontro fra la Merkel e Donald Tusk


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU