Tanto paga Pantalone

Carrozzone Sicilia, dove le assunzioni non finiscono mai

La maggioranza di Crocetta si ricompatta dietro la richiesta di poter assumere altri dipendenti pubblici. Stavolta nella sanità. Nonostante i debiti miliardari, la Regione vuole conservare gelosamente i pessimi primati che la caratterizzano

Marco Dozio
Carrozzone Sicilia, dove le assunzioni non finiscono mai

Foto ANSA

Ballano gli assessori, con il governatore che ne ha cambiati una cinquantina in quattro anni, soprattutto ballano paurosamente i conti pubblici con debiti miliardari, ballano moltissime altre cose nella Sicilia di Rosario Crocetta (e dei suoi predecessori). Ma ce n’è una che resta immutabile nel tempo. La richiesta di assunzioni nel settore pubblico.

Questa volta nella sanità. Tant’è che la traballante (tanto per cambiare) maggioranza di Crocetta, che contiene tutto e anche il suo contrario come da tradizione sicula, pare rinsaldarsi proprio nel chiedere al governo centrale il via libera a nuove infornate di dipendenti. Nei prossimi giorni Crocetta e l’assessore alla Salute Baldo Gucciardi invieranno una nota a Palazzo Chigi “per consentire alla Regione di dotarsi delle risorse umane necessarie per le emergenze e garantire i livelli essenziali di assistenza obbligatori".

Sì, i politici al potere in Sicilia parlano di “emergenze” e “livelli di assistenza obbligatori”. Guai a ipotizzare un qualsivoglia collegamento, anche inconscio, con la campagna elettorale. L’assessore Gucciardi parlando a Repubblica prova a scacciare ogni sospetto: “A chi vuole in maniera surrettizia legare la sanità con le elezioni, ricordo che i concorsi non si gestiscono ma si applicano le graduatorie e le procedure pubbliche”.

Resta la bizzarria di una Regione, quella dei 23mila forestali e dei mitologici “camminatori”, la Grecia d’Italia per le voragini di bilancio, che si ostina a voler stazionare ai primissimi posti della classifica sul numero di dipendenti pubblici in rapporto agli abitanti. Prima delle elezioni regionali i politici siculi hanno anche un’altra possibilità: blandire i 20mila precari della pubblica amministrazione che vogliono essere stabilizzati. Se la lasceranno sfuggire?

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU