Illegalità estiva

In Puglia fioccano le multe per i B&B abusivi

Quattro su sei non sono a norma secondo quanto risulta dai controlli della Guardia di Finanza

Ismaele Rognoni
Narcotraffico, sequestrati 2,5 milioni di euro

I questi caldi giorni estivi la Guardia di Finanza della compagnia di Gallipoli e della tenenza di Casarano ha effettuato dei controlli riguardo ai B&B pugliesi, rilevando enormi irregolarità. Nello specifico quattro su sei sono abusivi e il quinto aveva un numero di stanze con posti letto superiori a quanto previsto dalla normativa regionale. La pena prevista per questo ultimo caso varia dai 500 ai 100€ per ogni posto letto aggiuntivo, oltre alla sospensione dell'attività per un anno dopo la terza segnalazione inviata dall'amministrazione comunale. Invece, gli altri B&B che non avevano segnalato l'inizio dell'attività hanno ricevuto una multa che varia dai 5mila ai 10mila€. Somme che si aggiungono alle altre sanzioni emesse nei confronti di altre strutture abusive, raggiungendo un totale complessivo di circa 45000€ oltre alla denuncia alla Procura della Repubblica di Lecce.

Un altro problema è quello del sovraffollamento, vietato dalle ordinanze comunali pugliesi. Se si superano, infatti, i parametri del rapporto tra numero di inquilini e superficie abitabile la sanzione va dai 25 ai 500€ per ogni persona aggiuntiva, unendosi all'ordinanza di sgombero dei locali sovraffollati. Un esempio è ciò che è accaduto a Gallipoli dove i finanzieri hanno scovato 35 persone che occupavano un garage trasformato in un piccolo albergo; in una stanza di pochissimi metri quadrati vivevano 14 persone.
Questo "abusivismo alberghiero" non solo rappresenta un pericolo in virtù dell'allerta massima a causa del terrorismo islamico, ma danneggia anche i gestori onesti degli alberghi regolari.


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo
non la lasciano in pace neanche da morta

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU