attentato in turchia

Erdogan: "Gulen, Isis e Pkk sono la stessa cosa"

Secondo il presidente c'è il Califfato dietro l'attentato di Gaziantep che nella serata di sabato ha fatto 30 morti e quasi cento feriti durante una festa di nozze

Redazione
Erdogan: "Gulen, Isis e Pkk sono la stessa cosa"

C'è l'Isis dietro l'attentato di Gaziantep, nel sud-est della Turchia che nella serata di sabato ha fatto 30 morti e quasi cento feriti durante una festa di nozze. Lo dice il presidente turco, Recep Tayyp Erdogan in un comunicato diffuso domenica mattina. Erdogan premette che "non c'è differenza" tra Fetullah Gulen, il predicatore in esilio considerato dal governo di Ankara l'ispiratore del tentato golpe del 15 luglio scorso, il Pkk e l'Isis, "probabile autore dell'attentato di Gaziantep".


"Il nostro paese, la nostra nazione", aggiunge Erdogan, "non possono che reiterare un solo e unico messaggio a coloro che ci attaccano: sarete sconfitti". L'attentato, secondo quanto hanno comunicato le autorità di polizia turche, è avvenuto durante una festa di nozze che si svolgeva all'aperto in un quartiere centrale di Gaziantep, al confine tra Turchia e Siria, a forte concentrazione curda, il che rafforza l'ipotesi che si tratti di un attentato di matrice jihadista e non legato al Pkk.


Nella notte fra sabato e domenica il bilancio delle vittime è cresciuto e secondo quanto ha riferito alla CNN turca il governatore della provincia, Ali Yerlikaya, il numero delle vittime è salito a 30 e quello dei feriti a 94. La gran parte delle vittime è di etnica curda, molte le donne e i bambini presenti alla festa.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo
soccorsi e portati in un campo profughi a Khoms

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo

Saviano da del mafioso a Salvini
il naufragio del pensiero

Saviano dà del mafioso a Salvini

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU