riforma della giustizia

Legnini (CSM): "Allontanare il sospetto che le toghe agiscano per invadere politica"

Il vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, sottosegretario con Letta e Renzi ed in quota PD, annuncia la bozza Scotti. Ma sono di più i "se" e i "mi auguro"...

Redazione
Legnini (CSM): "Allontanare il sospetto che le toghe agiscano per invadere politica"

"Dopo anni di conflitti in apparenza incomponibili tra politica e magistratura, e di inconcludenza legislativa sulle riforme della giustizia, si sta procedendo con un approccio nuovo, dobbiamo allontanare il sospetto, fondato o meno che sia, che una parte della magistratura agisca per invadere il campo della politica". Lo ha detto al Corriere della Sera il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Giovanni Legnini. "Avevamo assunto un impegno con il ministro Orlando e lo stiamo mantenendo", sottolinea. "Riforma e autoriforma del consiglio dovevano integrarsi e così sta andando. Ai primi di settembre approveremo il parere preliminare sulla bozza della commissione Scotti che non è ancora un articolato. Il parere è sostanzialmente positivo anche sul disciplinare. L'autoriforma sta per essere completata, dopo il nuovo Testo unico sulla dirigenza, gli interventi sui fuori ruolo e incarichi extragiudiziari, la delibera sui rapporti tra magistratura e politica, a settembre contiamo di approvare la riforma del Regolamento sul funzionamento del consiglio, il lavoro piu' impegnativo, con il sostengo vigile e prezioso del Capo dello Stato. Il tutto in un anno".


"Le nomine a pacchetto con il nuovo Regolamento saranno superate, ciascun consigliere potrà intervenire in plenum per proporre un'alternativa al singolo candidato. Numerose saranno le innovazioni sulla collegialità, trasparenza e leggibilità delle decisioni, tra cui mi auguro la pubblicità dei verbali della V commissione che si occupa di nomine". Quanto alle intercettazioni, aggiunge Legnini, "dopo le importanti circolari di alcuni procuratori, il consiglio ha adottato una risoluzione che ha indicato linee guida per meglio conciliare, a legislazione invariata, l'obbligatorietà dell'azione penale e il ricorso indispensabile alle intercettazioni con il diritto alla privacy, il diritto di difesa e il diritto di cronaca. Senza confusione di ruoli, se il legislatore intenderà conferirle forza di legge saremo soddisfatti. Se intenderà andare oltre, vedremo... Penso anche che quelle misure stiano già producendo effetti positivi. Forse molti degli abusi lamentati si sarebbero potuti evitare applicando quelle buone pratiche organizzative".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc
la "piazza " invasa dai datteri di hashish

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU