Subito decisivo l'attaccante argentino

Juve batte Fiorentina 2-1, decide Higuaìn

Debutto perfetto per l'uomo da 90 milioni che risolve la gara dopo 8 minuti dal suo ingresso in campo. Buona prova della viola cui manca qualche innesto in difesa

Fabrizio Berini
Higuìn festeggia con Asamoah la rete della vittoria

Foto ANSA

La Juventus batte la Fiorentina 2-1 nel secondo anticipo della prima giornata di serie A e risponde subito alla roboante vittoria della Roma di Spalletti nel pomeriggio. Un successo difficile, maturato tra le mura amiche dello Juventus Stadium, contro un'avversaria che se saprà rinforzarsi negli ultimi giorni di mercato, soprattutto nel reparto arretrato, potrà dare fastidio alle formazioni più quotate.

Da un lato la super corazzata bianconera, che Allegri schiera con il solito 3-5-2 e con il solo Dani Alves in campo dei nuovi arrivati, che prova a dominare con intensità e forza fisica il primo tempo capitalizzando solo dopo 37' minuti il forcing intenso grazie al perfetto colpo di testa in inserimento di un ottimo Khedira bravo a sfruttare il perfetto cross di Chiellini.

Dall'altro la giovane formazione di Paulo Sousa, ancora in fase di costruzione e costretta a rinunciare al fosforo di Borja Valero costretto alla tribuna, che subisce con qualche affanno la sfuriata bianconera, va in svantaggio ma con grande calma prova a sviluppare le sue trame di gioco nella ripresa arrivando a trovare il pareggio al 70' con un colpo di testa di Kalinic, lasciato libero di colpire da Alex Sandro, sugli sviluppi di un corner regalato alla viola da uno svarione dello stesso esterno brasiliano.

Con un ritmo palesemente più basso rispetto al primo tempo complice una condizione ancora non ottimale delle due squadre il pareggio rischia di diventare la soluzione più probabile ma guai a sottovalutare il "fattore Higuaìn". Il bomber entrato un paio di minuti prima della rete del pareggio viola tocca un primo pallone per prendere confidenza con il campo e al secondo tocco, dopo 8 minuti dal suo ingresso in campo, si avventa su una respinta a corpo morto della difesa viola su una conclusione da pochi metri di Khedira (altro inserimento perfetto del tedesco servito da un sontuoso Asamoah) e di controbalzo da posizione angolata infila Tatarusanu. Esplode la gioia sugli spalti dello Stadium e lo stesso Higuaìn sfata un tabù che lo vedeva sempre a secco nella prima stagionale da quando, quattro anni fa, è arrivato in Italia.

La Fiorentina accusa il colpo ma prova a macinare gioco per guadagnare metri e avvicinarsi alla porta difesa da Buffon ma di fatto non riesce più a rendersi pericolosa dalle parti di Buffon e dopo 5 minuti di recupero i bianconeri possono festeggiare i primi 3 punti in classifica, conquistati contro un'avversaria molto pericolosa e iniziando col piede giusto dopo lo svarione iniziale della passata stagione.

Da segnalare nei bianconeri la prova impressionante di Asamoah, nella zona di campo che solcava Pogba, che rende meno urgente la caccia a un altro centrocampista, di Khedira che seppur con sole due settimane di allenamenti gioca con una intelligenza calcistica al di sopra della norma e del solito Dybala che, pur non segnando, crea pericoli ad ogni tocco. Nella viola brilla per velocità e pericolosità il solo Tello subentrato nella ripresa al giovane Federico Chiesa, figlio del bomber Enrico.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU